venerdì 19 Agosto 2022 Zero al Sud: il libro denuncia di Marco Esposito ospite di S(T)UONI 7.0. | infosannionews.it venerdì 19 Agosto 2022

Smooth Slider

Successo a Foiano per l'Istituto storico del Risorgimento

Successo dell’iniziativa dell'Istituto Storico del Risorgimento e del Comune di Foiano ...

Accademia, il nuovo staff tecnico tra conferme e novità

Con il raduno fissato per il prossimo 22 agosto, l'Accademia ...

WWf: Due serate all’oasi del Lago di Campolattaro

Domenica 21 agosto un evento per vivere una sera d’estate ...

Sarà Daniele De Rossi il nuovo allenatore del Benevento?

La notizia è stata data questa notte dal Corriere dello ...

Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada, ultimi giorni per prenotare gli spazi

Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada, ultimi giorni per prenotare gli spazi

In occasione del Festival dei Sapori e degli Artisti di ...

Stampa articolo Stampa articolo

Zero al Sud: il libro denuncia di Marco Esposito ospite di S(T)UONI 7.0.

14/06/2019
By

Si intitola Zero al Sud, la storia incredibile (e vera) dell’attuazione perversa del federalismo fiscale, il libro di Marco Esposito che domani, sabato 15 giugno, verrà presentato presso la Sala consiliare del Comune di Castelpoto (Benevento).

Appuntamento alle 11 con il libro dal titolo esplicito in cui Esposito fa una cruda e attenta analisi, una verifica dei conti mai smentita da nessuno.
Per quindici decenni – si legge nella prefazione di Gianfranco Viesti – si è discusso della Questione Meridionale. Ma con il federalismo fiscale il quadro è cambiato. Lo Stato ha misurato, Comune per Comune, fabbisogni, costi e servizi con l’obiettivo di attribuire a ciascun territorio le risorse corrette. I conteggi hanno dato un risultato inatteso: si pensava di far emergere la cattiva spesa del Sud e ci si è trovati davanti al dettaglio del profondo divario tra le Due Italie. L’uguaglianza ha un costo miliardario e così si è imboccata la scorciatoia di piegare le regole in modo da attribuire al Sud meno diritti e meno soldi. Lo Stato invece di costruire gli asili nido o i binari dove mancano ha stabilito che, nei territori di tipo “B”, il fabbisogno è zero. Ha dimezzato la perequazione dove la Costituzione garantiva che fosse “integrale”. Si è aperta la strada al federalismo differenziato, con maggiori autonomie, risorse e diritti nelle Regioni ricche. Il saggio offre gli elementi per aprire, finalmente, il dibattito pubblico.
L’evento di domani rientra nel più fitto cartellone di S(T)UONI 7.0, la rassegna culturale in corso nel borgo medievale di Castelpoto, organizzata dal Comune, e in programma fino a domenica 16 giugno.

Tags: ,