mercoledì 21 agosto 2019 Centro Medico Erre a rischio chiusura.300 bambini potrebbero perdere le prestazioni sanitarie. | infosannionews.it mercoledì 21 agosto 2019
In evidenza
GESESA-San Giorgio La Molara: interruzione fornitura idrica notturna.

GESESA-San Giorgio La Molara: interruzione fornitura idrica notturna.

GESESA comunica che a causa di una evidente riduzione delle ...

UniFortunato Presenta: “Il Sannio da Territorio a Destinazione

Per il terzo anno consecutivo ritornano gli appuntamenti promossi dall'Università ...

Il Premio Ugo Gregoretti nel 40esimo di “Benevento Città Spettacolo”sarà ideato dal Maestro Paladino

Il Premio Ugo Gregoretti nel 40esimo di Benevento Città Spettacolosarà ideato dal Maestro Paladino

Nel 40esimo anniversario, “Benevento Città Spettacolo” dedica un premio per ...

Pago Veiano. La comunità piange  Gianpietro De Ieso, uomo di grande umanità

Pago Veiano. La comunità piange Gianpietro De Ieso, uomo di grande umanità

Alla fine non ce l'ha fatto a sconfiggere il brutto ...

Domani la presentazione dello spettacolo Dance For Freedom in scena il 30 Agosto al Teatro Romano

Domani la Conferenza Stampa alle ore 11.30 a Palazzo Paolo ...

Centro Medico Erre a rischio chiusura.300 bambini potrebbero perdere le prestazioni sanitarie.

11/06/2019
By

Rischiano di perdere le prestazioni assistenziali-sanitarie pubbliche 300 bambini, è quanto è emerso da una riunione voluta dal  Comitato delle mamme che si è costituito presso il Centro Medico Erre di Sant’Agata de’ Goti. Il Centro medico ha accumulato un debito pari a 20 milioni di euro ed il 20 Giugno, data in cui è  fissata l’udienza del Tribunale Fallimentare nel corso della quale sarà discusso il concordato preventivo, il centro potrebbe porre fine alle attività.L’Agenzia delle Entrate che è il principale creditore del nosocomio saticulano, avrebbe espresso un parere negativo sulla negoziazione del debito. In caso di chiusura, bisognerà capire dove e come i bambini potranno proseguire le loro terapie senza doverle interrompere.Neanche la Neuromed, una nota azienda che opera nel Molise nel campo delle cure delle malattie neurologiche che ha deciso di investire per rilevare il CMR, è riuscita  a dare la svolta positiva alla vicenda.Alla riunione convocata dalle mamme,  ha partecipato anche il sindaco di Sant’Agata de’ Goti, Giovannina Piccoli per esprimere la propria solidarietà, ed ha annunciato di aver chiesto al prefetto un incontro con tutti i soggetti pubblici coinvolti per definire la vicenda e chiarire anche gli eventuali motivi che hanno portato l’Agenzia delle Entrate ad esprimere parere negativo.

“Il Centro non può chiudere –  ha commentato Alessandra Crisci, –  una delle mamme dei 300 bambini con disabilità varie in cura al Centro Medico Erre di Sant’Agata de’ Goti.I bambini hanno bisogno di questa terapia”.

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio