venerdì 28 Gennaio 2022 L’associazione “Parliamone” interviene sulla soppressione della Provincia di Benevento | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

L’associazione “Parliamone” interviene sulla soppressione della Provincia di Benevento

09/07/2012
By

L’Associazione PARLIAMONE ritiene opportuno esplicitare il punto di vista dei suoi aderenti circa la paventata soppressione della Provincia di Benevento.

Pur consapevoli della necessità di tentare di risanare il bilancio dello Stato non si comprende il motivo vero dell’assoluta mancanza di equità che caratterizza quasi tutti i provvedimenti adottati dal Governo.Un Governo cui era andata la fiducia iniziale dei cittadini. Non c’è stata,- continua il comunicato dell’associazione – infatti, equità nei tagli economici che hanno colpito soprattutto i “soliti noti”,non c’è stata equità nel ricercare i veri
grandi evasori a fronte di uno spasmodico lavoro repressivo portato avanti da Equitalia ed Agenzia delle Entrate,non c’è stata equità nei tagli agli apparati burocratici e soprattutto a quelli politici (la politica dell’esempio è indispensabile quando si chiedono sacrifici), non c’è stata equità neanche sulla questione Province che andavano ,eventualmente ,soppresse tutte !
Inutile tornare sui criteri adottati o sulle questioni storiche che avrebbero consigliato un approfondimento maggiore. Il problema resta quello della dipendenza dalla politica-partitica e della soggezione alle sole variabili economiche dettate dai poteri forti. Niente si è deciso per il Sud,niente si è deciso su possibili provvedimenti in favore dei giovani disoccupati,niente si è deciso per rilanciare il cosiddetto sviluppo ! Nessuna riforma seria è in itinere, neanche quella elettorale che ridarebbe finalmente voce al popolo sovrano.PARLIAMONE chiede ai cittadini ,alle Associazioni,agli Enti ecc. una concreta azione mirata a far comprendere seriamente i rischi di ulteriore desertificazione cui potrebbe andare soggetto il nostro già umiliato territorio. Una Azione che sappia essere mediaticamente ” forte e originale” e che,contemporaneamente,tenti di far ragionare meglio e in più chi è chiamato a decidere .

Stampa articolo Stampa articolo