venerdì 19 Agosto 2022 Presso la Camera di Commercio di Benevento la presentazione del libro: “Veterinaria e Mafie” | infosannionews.it venerdì 19 Agosto 2022

Smooth Slider

Successo a Foiano per l'Istituto storico del Risorgimento

Successo dell’iniziativa dell'Istituto Storico del Risorgimento e del Comune di Foiano ...

Accademia, il nuovo staff tecnico tra conferme e novità

Con il raduno fissato per il prossimo 22 agosto, l'Accademia ...

WWf: Due serate all’oasi del Lago di Campolattaro

Domenica 21 agosto un evento per vivere una sera d’estate ...

Sarà Daniele De Rossi il nuovo allenatore del Benevento?

La notizia è stata data questa notte dal Corriere dello ...

Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada, ultimi giorni per prenotare gli spazi

Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada, ultimi giorni per prenotare gli spazi

In occasione del Festival dei Sapori e degli Artisti di ...

Stampa articolo Stampa articolo

Presso la Camera di Commercio di Benevento la presentazione del libro: “Veterinaria e Mafie”

29/05/2019
By

Benevento – L’importante evento culturale il 31 maggio 2019 ore 15 presso la Camera di Commercio. Grande attesa per la presentazione del libro “Veterinaria e Mafie”, con la presenza dell’’autrice del libro Eva Rigonat.

di Lino Santillo

Il prossimo 31 maggio 2019 alle ore 15 nella sala convegni della Camera di Commercio di Benevento, sarà presentato il libro della dr.ssa Eva Rigonat,: “Veterinaria e Mafie”. E’ una raccolta di sette storie, autobiografiche, di veterinari che, come funzionari pubblici, hanno saputo resistere e denunciare il fenomeno dell’infiltrazione criminale, della corruzione, del comportamento intimidatorio, nell’ambito dell’attività istituzionale. Storie da leggere per riflettere e decidere quali sono i valori importanti dell’agire professionale, della resilienza di una professione per un fenomeno sottaciuto, ma portato avanti dalle agro-mafie verso coloro che con impegno, responsabilità e lealtà tutelano ogni giorno la salute ed il benessere animale, garantendo la sicurezza alimentare e la tutela della salute pubblica per assicurare cibi sani e sicuri. Sette storie di uomini, donne, animali e mafia. Le ha salvate dall’oblio Eva Rigonat e sono ora un libro “Veterinaria e Mafie”. È un libro fra inchiesta e letteratura per raccontare a ragazzi e adulti di una professione sconosciuta, quella veterinaria, posta a tutela della sicurezza alimentare e della salute dell’uomo. Si legge nella quarta di copertina: “Un giorno un altro mondo entra nel tuo mondo e inizia il lento degrado della tua dignità umana e professionale, psicologica e familiare: “la regressione nella mafia”. È una forza che opprime, che isola, che disperde gli amici e che allontana dai propri cari, ai quali si vuole risparmiare il senso di colpa che provano gli incolpevoli. Una forza che riduce al silenzio chi ha capito e ha deciso di restare fedele a ciò che è giusto. Ed è proprio allora che la burocrazia delle gerarchie si rivela funzionale alla mafia, usando il mobbing o la “servitù volontaria” per impedire, senza dare ordini, l’affermazione di ogni legge e di ogni giustizia. Questo non è il libro di una categoria professionale, ma delle lacerazioni patite da uomini e donne che sono stati dalla parte della sanità pubblica e che non riescono a dimenticare, nemmeno dopo essere stati riscattati dalla logica processuale. Li soccorre questo libro, impedendo l’oblio civile delle loro sofferenze. Voci tremanti, sorrette dall’intervista, e voci appassionate, liberate dallo sfogo autobiografico, in una mescolanza di generi e di stili che racconta la proteiforme mostruosità dell’offesa di mafia”. “In realtà gli autori di questo libro sono i medici veterinari perseguitati dalle mafie che il silenzio di troppi, potenti e non, mette nelle file della solitudine umana – dice Eva Rigonat – le loro storie ci raccontano di persone normali che non chiedevano di essere degli eroi. Gente che voleva solo fare bene il proprio lavoro. Un desiderio semplice. Talmente semplice, talmente forte nel richiamo alle radici di un ruolo da essere destrutturante per una società devastata dalla “questione morale”. Quasi tutti questi medici sono accomunati dall’aver trovato nella famiglia e nell’ambiente esterno a quello lavorativo, e spesso anche in quello esterno a molte istituzioni, la forza di resistere. Tutti sono accomunati da comportamenti dettati dall’abitudine all’onestà e dalla convinzione di non poter essere diversi per riuscire a stare con se stessi”. Ma chi è l’autrice di questo stupendo e significativo libro su di una tematica di grande attualità? Eva Rigonat è nata in Francia, nel 1954. Nel 1970 la sua famiglia torna in Italia. Eva si laurea da studente lavoratrice in Medicina veterinaria nel 1985. Dal 1989 lavora per l’azienda Usl di Modena. Dal 2012 al 2016, prima come revisore dei conti poi come consigliere, fa un’esperienza in Fnovi (federazione nazionale ordini veterinari italiani). Nel 2015 riceve dalle mani di don Luigi Ciotti il premio Fnovi “Il peso delle cose ”, per il suo impegno “per lo sviluppo di un’etica della professione, attraverso lo sviluppo di un pensiero critico”. Dal 2014 frequenta la Libera Università dell’Autobiografia e nel 2016 diventa biografo di comunità. Per l’importante appuntamento fortemente voluto da Angelo Zerella, segretario aziendale della federazione veterinari medici e dirigenti sanitari di Benevento ci saranno diverse autorità istituzionali al tavolo dei relatori. I saluti affidati proprio ad Angelo Zerella (segretario Fvm); Picker Franklin (direttore generale Asl Bn) Pasquale Lampugnale(vice presidente confindustria Bn); Aurelio Grasso (vice presidente camera di commercio Bn). A seguire, gli interventi di Giovanni Conso (procuratore aggiunto di Bn); Aldo Grasselli (presidente nazionale Fvm); Michel Martino (referente provinciale Libera). Ovviamente al grande appuntamento culturale sarà presente l’autrice del libro Eva Rigonat (medico veterinario). Moderatore: Giovanni Bruno (presidente regionale Fvm). Al termine della presentazione seguirà dibattito ad opera di tutti i presenti.

Tags: ,