venerdì 28 Gennaio 2022 Luongo Movimento Difesa del Cittadino. Saldi estivi tra l’afa e i portafogli vuoti si rischia il flop. | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

Luongo Movimento Difesa del Cittadino. Saldi estivi tra l’afa e i portafogli vuoti si rischia il flop.

09/07/2012
By

Necessario un confronto serio sul commercio in città prima del tracollo definintivo.

“Quest’anno davvero sui saldi a Benevento si rischia un  flop epocale” questo il parere di Francesco Luongo del Presidente Provinciale del Movimento Difesa del Cittadino ad un giorno dall’avvio delle svendite di fine stagione.
Dopo la stangata dell’IMU, della Tarsu e delle bollette sempre in aumento il reddito disponibile delle famiglie per gli acquisti ammonta a € 248,00 e si è ulteriormente ridotto di del 2% rispetto allo scorso anno, come certificato dall’Istat.
Per l’associazione di consumatori a rallentare gli acquisti, oltre ai pochi soldi in tasca, anche l’afa che sta limitando fortemente lo shopping in Corso Garibaldi e più in generale in centro dove comunque i negozi avevano già avviato a fine giugno pre-saldi informali per i clienti con sconti fino al 30%.
Secondo MDC i saldi di fatto non esistono più, se non come ulteriore vendita promozionale che si aggiunge alle altre  che i commercianti sono costretti a realizzare per accaparrarsi i pochi clienti in giro.
Stesso discorso per la grande distribuzione organizzata cittadina dove però la migliore logistica (parcheggi, aria condizionata) e la pianificazione di iniziative promozionali ad hoc sta facendo registrare un buon movimento, soprattutto grazie agli afflussi di consumatori dalla provincia che quindi disertano il centro storico.
Ma per l’associazione di consumatori oltre la crisi testimoniata dallo spettacolo desolante delle ormai decine di saracinesche chiuse in tutti i quesrtieri, Benevento sconta una completa mancanza di confronto e di nuove idee sulle politiche commerciali della città.
Il Tavolo permanente per l’utenza ed il consumo non viene convocato da mesi, ne si è ritenuto di farlo prima dei saldi per almeno “pensare” a qualche iniziativa pro shopping (shopping bus, sconti per i turisti, infopoint con la mappa dei saldi quartiere per quartiere, animazione per i bambini, stand e vetrine con i prodotti tipici ecc. ecc.)
Persino la minima campagna informativa per i cittadini proposta in passato dalle associazoni dei consumatori mediante manifesti con le date di inizio e fine delle svendite e l’elenco dei  diritti dei consumatori in caso di merce difettosa è stata messa da parte dall’amministrazione comunale.
Per MDC la questione del commercio cittadino rappresenta un problema che va rimesso al centro dell’agenda politica cittadina avviando però un dialogo serio con le associazioni di categoria, oggi marginalizzate se non  escluse anche dal confronto su questioni secondarie e comunque  irrisolte ed irrisolvibili come l’emergenza  “movida” nel centro storico e le polemiche  per i banchi di cianfrusaglie e le rivendite ambulanti by night di pizze e birra a basso costo, che non si comprende  come possano contribuire da sole al rilancio del commercio di Benevento.

Stampa articolo Stampa articolo