giovedì 22 agosto 2019 Il Benevento fa karakiri e sfuma il sogno della serie A. Benevento 0 Cittadella 3 | infosannionews.it giovedì 22 agosto 2019
In evidenza
"Dance for freedom", se non sei libero di scegliere, l'alternativa è morire!

Dance for freedom, se non sei libero di scegliere, l'alternativa è morire!

Questo potrebbe essere il senso del progetto presentato e suggerito ...

Gestione del Centro per Disabili, Altrabenevento: “Gara procurerà ulteriori disagi”

Gestione del Centro per Disabili, Altrabenevento: “Gara procurerà ulteriori disagi”

"La gara per il Centro Disabili di Benevento, affidato alla ...

Inzaghi : A Pisa per fare la partita

"Se pensavamo di avere i meccanismi perfetti adesso eravamo solo ...

Pellegrinaggio Pietrelcina – Assisi con il Treno Storico: Esauriti i Posti Disponibili

Pellegrinaggio Pietrelcina - Assisi con il Treno Storico: Esauriti i Posti Disponibili

Antonio Di Maria, Presidente della Provincia di Benevento, comunica che ...

GESESA-San Giorgio La Molara: interruzione fornitura idrica notturna.

GESESA-San Giorgio La Molara: interruzione fornitura idrica notturna.

GESESA comunica che a causa di una evidente riduzione delle ...

Il Benevento fa karakiri e sfuma il sogno della serie A. Benevento 0 Cittadella 3

25/05/2019
By

Squadra senza mordente e con la testa altrove. Malgrado le belle parole Bucchi non è riuscito a mantenere concentrati i suoi uomini.

Retour match di semifinale play-off serie B tra il Benevento ed il Cittadella.Oltre ai due squalificati, Armenteros nel Benevento sostituito da Insigne e Proia nel Cittadella sostituito da Siega, negli ospiti siederanno in panchina Finotto e Schenetti che all’andata erano negli undici titolari, sostituiti oggi da Diaw e Panico. Benevento che prende l’impegno troppo sotto gamba e lo si nota nei primi 20/25 minuti quando esisteva una sola squadra in campo, la giallorossa, ma i tocchi erano troppo leziosi ed i calciatori non riuscivano ad essere concreti. Un problema di testa, probabilmente. Forse è stata la certezza, errata,  di essere già in finale, che ha tagliato le gambe ai giallorossi e quando un clamoroso liscio di Montipo’, che già nelle ultime di campionato aveva lasciato tanto a desiderare, ed un tiro di Panico, leggermente deviato da Viola con l’estremo difensore beneventano ancora una volta insicuro, hanno risvegliato il Benevento riportandolo a terra, la frittata era oramai già fatta. Gli uomini di Bucchi non sono riusciti a calarsi nel match mentre il Cittadella ha iniziato a volare sulle ali dell’entusiasmo per un insperato risultato.

Queste le formazioni in campo:

Benevento Calcio – Montipo’, Maggio, Volta, Caldirola, Letizia, Tello, Bandinelli, Viola, Ricci, Coda, Insigne. A disposizione : Gori, Del Pinto, Antei, Di Chiara, Tuia, Costa, Improta, Buonaiuto, Gyamfi, Asencio, Crisetig, Vokic. All. Cristian Bucchi

A. S. Cittadella 1973 – Paleari, Ghiringhelli, Frare, Adorni, Rizzo, Siega, Iorio, Branca, Panico, Diaw, Moncini. A disposizione : Maniero (1995), Benedetti, Parodi, Schenetti, Camigliano,  Drudi, Scappini, Pasa, Maniero (1998), Bussaglia, Cancellotti, Finotto. All. Venturato Roberto.

Arbitro dell’incontro e’ il Sig. Sacchi Juan Luca di Macerata.

La prima azione pericolosa della partita e’ ad opera del Benevento. E’ il terzo minuto e Maggio si infila in un corridoio libero giunge in area sul fondo e mette un pericoloso rasoterra al centro sul quale per un soffio non ci arriva Bandinelli ed il Cittadella si salva. Al 5′ fallacio su Maggio a centrocampo e l’arbitro applica la regola del vantaggio. Insigne prende palla arriva al vertice dell’area e scodella al centro dove Ricci viene anticipato e Bandinelli prova il tiro di controbalzo ma spedisce alto. Al 7′ se ne va Letizia e mette un bel cross in area sul quale Insigne entra di testa ma Paleari respinge in angolo. All’11’ Viola rilancia per Insigne che prova a scattare per il contropiede ma viene atterrato da Adorni che viene ammonito. Sulla ripartenza spizzata in area di Coda per Insigne ma la battuta del napoletano viene respinta in angolo dal portiere. Sulla parabola dalla bandierina mischia sottoporta con il Cittadella che riesce a fare muro e si salva. Ancora Insigne al 17′ che con una magia si libera in  area ma poi vuole strafare e la difesa libera in angolo. Al 22′ e’ Letizia a pennellare un altro cross in area sul quale si avventa Coda in girata ma la traiettoria e’ un po’ larga e termina fuori. Si affaccia il Cittadella in avanti al 25′ e quasi dal fondo Ghiringhelli prova un tiro cross che impegna Montipo’ che manda in angolo. Contropiede degli ospiti al 32′ che porta al tiro Diaw ma la traiettoria non impensierisce Montipo’. Sul capovolgimento di fronte Insigne entra in area ma mette una palla liftata al centro sulla quale Paleari libera. Al 35’Ricci tira e Paleari si supera; scatta in avanti il Cittadella e non fa la stessa cosa Montipo’ che invece liscia la palla lasciando via libera a Diaw che lo risupera di nuovo e deposita in rete. Una beffa per i giallorossi. Benevento 0 Cittadella 1. All’ennesimo fallo di Panico al 37′ finalmente Sacchi, arbitro meno che mediocre, lo ammonisce. Al 39′ Siega di testa colpisce il palo alla sinistra di Montipo’.  Al 43′ il Cittadella raddoppia. E’ Panico che dal limite indovina la traiettoria grazie ad una deviazione di Viola e batte Montipo’. Benevento o Cittadella 2. Al 45′ Ricci spreca un tiro dal limite telefonando Paleari.

Alla ripresa Bucchi manda in campo Improta e richiama Ricci. Prova il Benevento ha pungere ma è anche un problema di testa. E in un capovolgimento di fronte al 54′ gli ospiti passano ancora. Cross basso in area e Moncini di tacco infila Montipo’. Scende il gelo sul Ciro Vigorito che prova però ad incitare i propri beniamini ma l’impresa e’ difficilissima. Al 55′ Bucchi inserisce Buonaiuto e richiama Bandinelli ma subito Diaw prova la botta con Montipo’ che respinge. Nel giro di 5 minuti dal 58′ al 63′ 4 ammoniti da parte di un’arbitro che avrebbe dovuto arbitrare in modo diverso anche se non è colpa suo di quello che sta succedendo in campo. Ad ogni modo vengo ammoniti in sequenza Branca, Paleari, Insigne e Diaw.  Due cambi al 65′ : Bucchi prova a diventare più offensivo inserendo Asencio al posto di Letizia ed arretrando a terzino Improta, e Venturato sostituendo Moncini con Scappini. Al 69′ il Cittadella segna il quarto gol con un colpo di testa di Iori ma l’arbitro annulla. Poi una attesa assurda di diversi minuti per le decisioni del Var che conferma la decisione dell’arbitro. Al 75′ entra Camigliano al posto di Rizzo negli ospiti. Il Benevento sbaglia molto e fa il gioco del Cittadella che pensa a difendersi e a rispondere in contropiede. All’80’ ultimo cambio nei veneti : entra Cancellotti al posto di Ghiringhelli. All’84’ cross di Coda con Insigne che prova a volo ma la botta è debole e Paleari devia in angolo. Prova il forcing il Benevento ma il suo è un non gioco che non porta a nulla se non a collezionare calci d’angolo. Al 90′ l’arbitro concede 7 minuti di recupero durante i quali c’è da segnalare solo l’ammonizione di Caldirola al 92′ e nient’altro.

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio