giovedì 2 Luglio 2020 Altrabenevento: “Accertati anche nichel nell’acqua,ma i pozzi restano aperti” | infosannionews.it giovedì 2 Luglio 2020
Smooth Slider

Riapertura Museo Archeologico del Sannio Caudino di Montesarchio

Prosegue il piano graduale di riapertura in sicurezza dei musei ...

Carabinieri arrestano pregiudicato per evasione dagli arresti domiciliari

Carabinieri arrestano pregiudicato per evasione dagli arresti domiciliari

Nel pomeriggio di ieri, in Montesarchio (BN), militari del Nucleo ...

Carabinieri arrestano in flagranza di reato una 58enne per spaccio di sostanze stupefacenti

Carabinieri arrestano in flagranza di reato una 58enne per spaccio di sostanze stupefacenti

Nell’ambito dei controlli finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio ...

Romilda Lombardi : Nella prossima commissione ambientele tematiche per la riapertura di Cellarulo

All’ordine del giorno della prossima seduta della Commissione comunale all’Ambiente, ...

Forestali Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Campania : ” Entro fine Luglio primo acconto fondi 2020″

Forestali Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Campania : Entro fine Luglio primo acconto fondi 2020

"Ora impegno per fondi ordinari e stabilizzazioni operai a tempo ...

Altrabenevento: “Accertati anche nichel nell’acqua,ma i pozzi restano aperti”

25/05/2019
By

Benevento – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Altrabenevento a firma di Sandra Sandrucci.

“Dopo il Tetracloroetilene e il Cromo sono stati accertati nella falda della piana di Benevento anche Manganese e NICHEL oltre la Soglia di Contaminazione. Il sindaco però non si decide a chiudere i pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni.

Il 16 maggio scorso l’ARPAC ha trovato in un pozzo di uno stabilimento industriale di Ponte Valentino, valori di Cromo totale, Manganese e Nichel oltre la Soglia di Contaminazione. In particolare sono stati trovati 650 microgrammi di quest’ultimo inquinante per ogni litro d’acqua, quindi di gran lunga oltre il limite di 20 microgrammi/ litro stabilito dal Decreto Legislativo 152 del 2006.
Pochi giorni fa, lo stabilimento Leonardo (ex Agusta) che produce elicotteri ha comunicato di aver trovato nel suo pozzo quantitativi preoccupanti di Cromo a causa di un guasto ad un suo impianto. In attesa di ulteriori controlli sono stati chiusi in via precauzionale, 60 pozzi nella zona industriale perché pescano nella stessa falda di quello contaminato.
Adesso si accerta anche la presenza di NICHEL ma nessuno ha spiegato perché. Non sembra che l’industria interessata abbia autodenunciato un guasto e quindi non si comprende come mai, solo adesso, causalmente si scopre che nelle acque profonde di Ponte Valentino ci sono diversi pericolosi inquinanti. Una maledizione colpisce improvvisamente la città oppure vengono fatti adesso accurati controlli mai fatti prima?
Il corpo idrico sotterraneo della zona industriale è lo stesso della piana di Benevento, esteso complessivamente 30 chilometri quadrati, come risulta anche dalla relazione idrogeologica del prof. Pietro Bruno Celico elaborata su incarico della Regione Campania.
Quindi, gli inquinanti accertati a Ponte Valentino possono contaminare anche le acque sotterranee dei pozzi di Campo Mazzoni e Pezzapiana, servite agli abitanti dei rioni Libertà, Ferrovia e Centro Storico, che il sindaco Mastella non si decide a chiudere, neppure in via cautelare e a difesa della salute umana, come invece ha fatto per i pozzi industriali”.

Tags: