domenica 21 luglio 2019 Altrabenevento: “Dove finisce l’acqua del Biferno?” Continua la raccolta firme per la chiusura dei pozzi contaminati. | infosannionews.it domenica 21 luglio 2019
In evidenza
Il Sindaco di Pietrelcina formula il proprio augurio al neo Rettore Canfora

Il Sindaco di Pietrelcina formula il proprio augurio al neo Rettore Canfora

La dichiarazione del sindaco Domenico Masone. “L’elezione del nuovo rettore dell’università ...

Ruggiero : “Il Comitato dei Sindaci, piuttosto quello dei morosi…”

Ruggiero : Il Comitato dei Sindaci, piuttosto quello dei morosi…

Il Comitato di sindaci voluto da Clemente Mastella per lo ...

Benevento. Si sono uniti in matrimonio Thomas Rungi ed Emilia Paga. A loro tanta felicità!

Nella splendida Basilica di San Bartolomeo Apostolo in Benevento si ...

Uil, Cgil, Cisl e Confindustria. Documento congiunto sulla predisposizione Accordo Partenariato 2021-2027

Uil, Cgil, Cisl e Confindustria. Documento congiunto sulla predisposizione Accordo Partenariato 2021-2027

La Uil Avellino/Benevento rende noto che, nell’ambito dei tavoli previsti ...

Isidea : “Progetti sotto il Noce”

Isidea : Progetti sotto il Noce

"Ultimamente proliferano in città iniziative sulle streghe, parallele e non ...

Gemellaggio Ozegna (To) con Ginestra degli Schiavoni

Nella Sala Consiliare della Rocca dei Rettori, sede della Provincia ...

Altrabenevento: “Dove finisce l’acqua del Biferno?” Continua la raccolta firme per la chiusura dei pozzi contaminati.

17/05/2019
By

Aderiscono Caritas ed altre 5 associazioni.

“La Regione fornisce alla città di Benevento ogni giorno da due settimane, altri 4 milioni di litri di acqua buona del Biferno per migliorare la qualità del servizio alla parte bassa della città, ma la Gesesa non spiega come li usa.
Prosegue al rione Ferrovia il 18 e 19 maggio la raccolta di firme per chiedere al sindaco di chiudere in via cautelare i pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni, contaminati per la presenza di Tetracloroetilene
Il 27 marzo scorso la Gesesa, società che gestisce il servizio idrico, ha chiesto alla Regione Campania un aumento della fornitura di acqua buona del Biferno, finora destinata solo alla parte alta della città, per affrontare la crisi idrica a Benevento.
Con una lettera inviata al Comune il 2 maggio, i vertici della azienda idrica comunicavano che se avessero ricevuto almeno l’aumento richiesto di 50 litri al secondo, avrebbero potuto migliorare la qualità dell’acqua servita nei rioni Ferrovia, Libertà e Centro storico che tuttora viene prelevata dai pozzi di Campo Mazzoni e Pezzapiana, contaminati per la presenza di Tetracoroetilene. .
Da circa due settimane la Regione ha aumentato la fornitura dal Biferno di circa 4 milioni di litri d’acqua al giorno (quasi 45 litri al secondo) ma la Gesesa non spiega come li usa. Intanto anche gli ultimi esami confermano la presenza del pericoloso inquinante nella falda della piana di Benevento ma il sindaco Mastella non ha voluto chiudere, neppure in via cautelare, i pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni.
Prosegue pertanto, la raccolta firme promossa da Altrabenevento e dal comitato Qualità dell’Acqua a Benevento per chiedere che sia interrotta la fornitura idrica dai pozzi contaminati e che a tutti gli abitanti di Benevento sia fornita l’acqua buona delle sorgenti del Biferno.
Hanno aderito alla petizione l’associazione Radici, la Caritas, il CESVOB (Centro servizi Volontari di Benevento), l’associazione Io x Benevento, l’AIDO e l’Orto di Casa Betania.
Le firme si raccolgono nel pomeriggio di sabato 18 (ore 17,00-21,00) e nel corso di domenica 19 (ore 10,30-12,30 e 17,00-21,00) al rione Ferrovia, viale Principe di Napoli, angolo via Clino Ricci”.

Per altrabenevento, Sandra Sandrucci
Per il Comitato Qualità dell’Acqua a Benevento, Antonio Leone

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio