domenica 5 Luglio 2020 Europee.Domenica il Vice Presidente della Camera on.Ettore Rosato sarà a Solopaca (BN) | infosannionews.it domenica 5 Luglio 2020
Smooth Slider
Covid – 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid - 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid-19: aggiornamento tamponi processati il 4 Luglio 2020.Si comunica che ...

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Il prossimo 11 luglio 2020 alle ore 21 dagli studi ...

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Il leader di Noi Campani, Clemente Mastella, ha completato le ...

Biodigestore, Carpinone Scelta assolutamente inopportuna

"Ancora una volta ci si discosta da quello che dovrebbe ...

Diga Campolattaro, Maglione: “Entusiamo da propaganda elettorale, siamo attenti all’obiettivo”

"Ieri ho avuto modo di visitare l’invaso di Campolattaro al ...

Centro Democratico: Stefano Mercurio nuovo delegato provinciale allo sport

“Formulo i migliori auguri di buon lavoro a Stefano Mercurio, ...

Europee.Domenica il Vice Presidente della Camera on.Ettore Rosato sarà a Solopaca (BN)

15/05/2019
By

Una Nuova Europa Ripartendo dal Mezzogiorno.Ettore Rosato sarà a Solopaca il 19 Maggio alle ore 17.

Le elezioni del 26 maggio rappresentano una sfida tra tre opzioni cruciali: chi vuole mantenere l’Europa così com’è; chi la vuole ridurre o addirittura distruggere; chi vuole riformarla per rendere l’Europa più forte, democratica, partecipata e capace di affrontare le sfide della contemporaneità: è la scelta del Partito Democratico e dell’insieme delle forze progressiste e democratiche del nostro continente.
Solo con un’Unione forte, democratica e solidale i Paesi europei potranno affrontare con successo le sfide del mondo globalizzato: l’economia e il lavoro che cambiano, l’ambiente da proteggere e valorizzare, un pianeta da preservare e governare.
Proponiamo agli Europei un nuovo patto per un’Europa equa, solidale, sostenibile, terra di democrazia e di libertà da costruire insieme, a partire dalle elezioni del 26 maggio prossimo.
Una Unione Europea riformata e democratica è lo strumento essenziale per superare le disuguaglianze, perseguire la giustizia fiscale, affrontare le minacce poste dai cambiamenti climatici, sfruttare il potenziale dell’economia digitale, assicurare una trasformazione sostenibile ed equa dell’agricoltura, gestire i flussi migratori e garantire la sicurezza per tutti i Cittadini europei.
A tal fine, il Partito Democratico si presenta all’appuntamento delle elezioni continentali con una rinnovata lista aperta e inclusiva delle varie esperienze del progressismo italiano. Tratto qualificante è, senza dubbio, il Manifesto Siamo Europei dell’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. La prospettiva e l’ideale cui tendere e per cui lavorare, nel medio periodo, sono gli Stati Uniti d’Europa, condizione essenziale per affrontare e risolvere i problemi strutturali delle economie e del welfare del vecchio Continente. Un Continente che, da subito, deve conferire maggiore ed effettivo potere ai propri Cittadini, anche attraverso l’elezione diretta del Presidente della Commissione, carica per la quale, insieme a tutti i Socialisti e Democratici d’Europa, candidiamo Frans Timmermans del Partito del Lavoro olandese.
Di seguito i quattro punti cardine della nostra proposta politica:
1. Una nuova Europa con al centro le persone. Per lo sviluppo e l’innovazione, per il lavoro e la coesione sociale, per l’ambiente.
2. Una nuova Europa vicina ai territori. Per la tutela e valorizzazione dei prodotti, delle culture e delle diversità.
3. Una nuova Europa protagonista nel mondo. Per la pace, la sicurezza e la risposta comune ai problemi mondiali.
4. Una nuova Europa più democratica. Per rispondere ai bisogni dei cittadini, degli Stati e delle imprese.
Ognuno dei punti programmatici contempla una serie di azioni concrete e fattive, tutte realizzabili nel prossimo quinquennio. Ci piace citare l’Indennità Europea di Disoccupazione che, legata al primo punto, è pensata per evitare il circolo vizioso tra recessione e austerità. Richiede un bilancio dell’eurozona, finanziato da specifiche risorse proprie, Eurobond e da una quota dei profitti della Bce, per perseguire politiche anticicliche nei paesi in recessione o con un numero alto di persone senza lavoro.
Di tutto questo parleremo, ri-partendo dal Mezzogiorno – Regione d’Europa – e dalle sue Aree interne, domenica 19 maggio, alle ore 17, presso la sala Convegni del Museo Enogastronomico di Solopaca, con on. Ettore Rosato, Vicepresidente della Camera dei deputati.

Tags: