domenica 26 maggio 2019 In merito alla querela di Fausto Pepe il giudice da ragione a Mastella:”non fu diffamazione” | infosannionews.it domenica 26 maggio 2019
In evidenza
Celebrazione del 90° Anniversario della Professione del Geometra

Celebrazione del 90° Anniversario della Professione del Geometra

"In occasione delle celebrazioni del novantesimo anniversario della data di ...

Ricostruzione scuole Nicola Sala e Torre. Farese : “L’amministrazione condivida il progetto con residenti e commercianti”

Ricostruzione scuole Nicola Sala e Torre. Farese : L'amministrazione condivida il progetto con residenti e commercianti

  "L'Amministrazione comunale, insieme ai dirigenti scolastici, convochi un incontro pubblico ...

Paleodays 2019. La soddisfazione di Gennaro Santamaria.

Paleodays 2019. La soddisfazione di Gennaro Santamaria.

Si è chiuso ieri con successo a Benevento il “Paleodays ...

dig

Il Benevento fa karakiri e sfuma il sogno della serie A. Benevento 0 Cittadella 3

Squadra senza mordente e con la testa altrove. Malgrado le ...

Progetto Orchestra Mediterranea venerdì 31 Maggio la Presentazione presso la Rocca dei Rettori

La provincia dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, insieme ...

Nasce la F.a.t. (Farm Animal Trade):compravendita di principali specie di animali d’allevamento.

Un’idea originale di un gruppo di studenti dell’Istituto tecnico “Bosco ...

In merito alla querela di Fausto Pepe il giudice da ragione a Mastella:”non fu diffamazione”

19/04/2019
By

sindaco Clemente Mastella

Si è tenuta oggi 19.04.19, presso il Tribunale di Benevento, udienza in Camera di consiglio dinanzi al Giudice delle indagini preliminari dott.ssa Camerlengo, ad oggetto la asserita diffamazione dedotta dall’Ing. Fausto Pepe a suo danno da parte del Sindaco Clemente Mastella.

I fatti si riferivano all’anno 2017, allorquando, in data 13.01.2017, a seguito dunque della delibera consiliare di dichiarazione dello stato di dissesto dell’Ente, l’On.le Mastella ebbe a dichiarare a mezzo Facebook”…il mio predecessore Fausto Pepe che con altri ci lascia in eredità ben 101 milioni di euro (200 miliardi di lire) sfasciando il Comune ed i suoi abitanti ci minaccia per non avere fatto un piano di riequilibrio………”.

All’esito della discussione, il Giudice ha ritenuto rigettare la opposizione formulata dalla difesa dell’Ing. Pepe avverso la richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero. Sicchè la notizia dell’asserito reato di diffamazione è stata accertata e dichiarata come del tutto infondata.

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio