sabato 15 giugno 2019 Un buon Benevento battuto da un Palermo “fortunato”. Benevento 1 Palermo 2 | infosannionews.it sabato 15 giugno 2019
In evidenza
Pago Veiano. Ex edificio scolastico: al via i lavori

Pago Veiano. Ex edificio scolastico: al via i lavori

Per la storica struttura di via San Salvatore pronti 3.453.526,69. ...

Riverberi-Appia in Jazz. Domani si chiude con il recupero della tappa di Forchia

Ultimo e decisivo atto per l’edizione 2019 di “Riverberi - ...

Isidea propone l’avvio dell’operazione gemellaggi

Isidea propone l’avvio dell’operazione gemellaggi

La conferenza stampa del 14 giugno scorso tenuta dal Presidente ...

Assemblea Nazionale Città dell'olio

Presso al Rocca dei Rettori, sede della Provincia di Benevento, ...

Un buon Benevento battuto da un Palermo “fortunato”. Benevento 1 Palermo 2

14/04/2019
By

E’ una partita che lascia l’amaro in bocca perche’ i giallorossi non meritavano la sconfitta.

Chissa’ come sarebbe finita con un arbitro diverso. Il fischietto genovese non ne ha azzeccate molte tanto che alla fine della partita veementi sono state le proteste di Foggia con il 4 uomo. Stasera pero’ e’ sembrato che tutta la “quaterna” nera ci ha messo del suo. Poi c’e’ stato il fenomeno “Brignoli” che ha preso di tutto di piu’ e quando era umanamente impossibile arrivarci ci ha pensato la traversa. A ricordare il portiere “ammirato” con il Benevento c’e’ da pensare che stasera abbia fatto un patto con il diavolo. Poi forse le due sostituzioni finali giunte un po’ troppo tardi, ma a voler cercare il pelo nell’uovo.

Queste le formazioni in campo:

BENEVENTO (4-3-1-2): Montipò; Maggio, Antei, Caldirola, Improta; Del Pinto, Viola, Bandinelli; Ricci; Coda, Armenteros. A disposizione : Gori, Letizia, Di Chiara, Tello, Volta, Buonaiuto, Gyamfi, Insigne, Asencio, Crisetig, Vokic. All. Cristian Bucchi
PALERMO (4-3-1-2): Brignoli; Salvi, Szyminski, Rajkovic, Aleesami; Murawski, Jajalo, Haas; Falletti; Moreo, Nestorovski. A disposizione : Pomini, Aastra, Rispoli, Accardi, Lo Faso, Trajkovski, Ingegneri, Fiordilino, Mazzotta, Puscas, Pirrello. All. Roberto Stellone

In una bolgia incredibile che e’ il catino del Vigorito, Benevento e Palermo danno il via al match piu’ importante di questo turno di serie B. Il primo brivido e’ al 6′ con Ricci che ruba palla a centrocampo e prova la ripartenza ma invece di servire Coda sulla corsa prova un improbabile       pallonetto dal cerchio del centrocampo. Mira sbagliata pero’ e l’occasione sfuma. Subito rispondono i rosanero con una sventola di Jajalo sulla quale mette i pugni Montipo’ e sulla ribattuta ci prova di testa Hass ma la palla e’ alta. All’11’ una uscita a vuoto di Brignoli per poco non fa andare in gol il Benevento con Jajalo che deve correre all’indietro per rinviare la palla. Al 13′ Viola difende bene  nella propria meta’ campo e da il via all’azione che porta al tiro di Improta sul quale proprio Brignoli fa una prodezza e manda in angolo. Sulla battuta dalla bandierina tira Coda e di nuovo Brignoli si supera respingendo e poi sul tentativo di Armenteros la difesa salva di nuovo la rete rosanero. Ancora Benevento al 19′ con Ricci che ci prova da fuori con una traiettoria tesa sulla quale ancora Brignoli interviene. Passa un minuto ed e’ Viola ad andarsene per vie centrali e  giunto  ai 30 metri fa partire una sventola che finisce di poco fuori. Al 24′ si vede la prima vera azione pericolosa degli ospiti con una imbucata in area sulla quale una provvidenziale entrata di Caldirola libera i 16 metri giallorossi. Al 31′ botta di Ricci da fuori e la traversa salva Brignoli. Ancora una puntata in avanti del Palermo al 32′ che parte in posizione dubbia di fuorigioco ma il diagonale ad incrociare di Moreo e’ largo e finisce fuori. Al 35′ se ne va Coda in contropiede e prova la battuta da fuori rimpallata dalla difesa, riprende Ricci e Brignoli con affanno si salva ancora. Continuano gli avanti giallorossi a bombardare il portiere rosanero ed e’ Coda al 37′ che prova ancora ed ancora in due tempi il pipelet ospite ferma la sfera. Al  42′ inaspettatamente ed anche immeritatamente il Palermo e’ in vantaggio. E’ Nestorovski, su imbeccata di Jajalo, che sfrutta una mancata chiusura di Antei e batte Montipo’ dal dischetto del rigore. Si giunge al 45′ e l’arbitro concede un minuto di recupero al termine del quale le squadre rientrano negli spogliatoi con il Palermo in vantaggio.

Le squadre ritornano in campo per i secondi 45 minuti con gli stessi uomini della prima frazione ma non cambia il metro di giudizio dell’arbitro che non ammonisce mai i  palermitani. E dopo un tiro da fuori di Ricci al 5′ mal indirizzato, all’ennesimo fallo di Haas, questa volta su Maggio, finalmente si vede il primo cartellino giallo della serata. Ancora un fallo di Jajalo al 15′ su Viola e cartellino giallo anche per lui. Sulla palla va Coda e Brignoli alza la palla sopra la trasversale. Al 17′ il Benevento manda in campo Asencio e richiama Ricci. Al 20′ ancora decisioni cervellotiche dell’arbitro e viene ammonito Caldirola per proteste.  La partita va avanti in maniera caotica tra le provocazioni degli ospiti ed un arbitro poco “attento”. Tra il 27′ ed il 28′ vengono ammoniti prima Bandinelli e poi Rajkovic. Ancora un prodezza di Brignoli, che stasera e’ baciato dalla sua stella, su una sventola di Viola al 30′. Intanto Bucchi manda in campo Buonaiuto ed Insigne per  Armenteros e Del Pinto. Ancora un fallaccio di Salvi che viene anche lui ammonito al 32′. Risponde il Palermo al 33′ con Puscas al posto di Nestorovski e Mazzotta al posto di Falletti. Al 34′ ancora una prodezza di Brignoli di piede su battuta a colpo sicuro di Buonaiuto. Al 36′ raddoppia il Palermo con Puscas che si invola su una palla persa da Asencio e batte Montipo’. Al 37′ girata di Coda che viene deviata in angolo.  Ultimo cambio nel Palermo al 39′ con Pirrello che prende il posto di Haas. Al 40′ tiro di Maggio su incursione in area di Buonaiuto e Brignoli riesce a fermare la palla proprio sulla linea. Al 44′ il Benevento passa. Bandinelli scodella palla in area, Insigne la mette sul secondo palo e Asencio di testa la butta dentro. L’arbitro concede 5 minuti di recupero e tra le provocazioni dei giocatori ospiti e gli errori continui dell’arbitro si va avanti con Asencio e Moreo ammoniti. Finisce con la vittoria immeritata degli ospiti sui quali incombe l’ombra delle decisioni arbitrali a senso unico.

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio