martedì 25 giugno 2019 Altrabenevento. Anche il laboratorio della GESESA ammette di aver trovato valori di Tetracloroetilene superiori alla soglia | infosannionews.it martedì 25 giugno 2019
In evidenza

“Mille e una Nota”, domani e giovedì il saggio finale degli allievi

Appuntamento al Teatro Comunale di Airola per la XXIII edizione ...

Gli artisti di Sinergie in mostra a Parigi

Sono 23 gli artisti italiani in esposizione a Parigi per ...

Opere Viarie nel Sannio, Di Maria sollecita la risposta del Presidente Conte e del Ministro Toninelli

Opere Viarie nel Sannio, Di Maria sollecita la risposta del Presidente Conte e del Ministro Toninelli

Il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha ...

Dehors, proficuo confronto stamani tra Mastella e il soprintendente Buonomo

Sottoposti alla Soprintendenza alcuni aspetti che necessitano di ulteriore approfondimento. Benevento  ...

Intesa tra Soprintendenza, RFI e Comune sul restyling della stazione ferroviaria

Intesa tra Soprintendenza, RFI e Comune sul restyling della stazione ferroviaria

La struttura sarà adeguata alle normative vigenti senza stravolgere l’attuale ...

Approvato emendamento in Commissione Agricoltura. Soddisfazione della Sen. Lonardo

Approvato emendamento in Commissione Agricoltura. Soddisfazione della Sen. Lonardo

“Oggi è stato approvato all’unanimità dei presenti in Commissione Agricoltura, ...

Altrabenevento. Anche il laboratorio della GESESA ammette di aver trovato valori di Tetracloroetilene superiori alla soglia

13/04/2019
By

Anche il laboratorio della GESESA ammette di aver trovato nei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni valori di Tetracloroetilene superiori alla soglia di Contaminazione ma l’acqua viene ancora servita alla parte bassa della città. Il sindaco Mastella non vuole fare lo “sciopero della sete” per pretendere dalla Regione Campania l’acqua buona del Biferno.

E’ quanto scrivono in un comunicato dall’Associazione Altrabenevento. Si legge ancora : “Da novembre abbiamo più volte segnalato la presenza di tetracloroetilene nei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzoni che forniscono gli abitanti dei quartieri Libertà, Ferrovia e Centro storico, ma il sindaco Mastella e la GESESA si sono sempre limitati a sostenere che l’acqua è potabile.
Poi l’ARPAC ha accertato più volte che nei due pozzi il valore del pericoloso inquinante ha superarto la Soglia di Contaminazione di 1,1 microgrammi/litro ma Gesesa ha assicurato che i dati forniti dal laboratorio privato incaricato, TecnoBios di Apollosa, erano sempre nella norma.
Invece, il 9 aprile lo stesso laboratorio ha comunicato di aver trovato i seguenti valori del pericoloso inquinante: 1,40 microgrammi/litro nel pozzo di Pezzapiana; 1,83 microgrammi/litro nel pozzo di Campo Mazzoni. Quindi, anche questi esami confermano che è stata superata ancora una volta la Soglia di Contaminazione di 1,1 microgrammi/litro nelle acque profonde.
Ma nonostante questa ennesima conferma, i pozzi rimangono aperti e l’acqua viene ancora servita agli abitanti della zona bassa della città.
Intanto Provincia, Comune e GESESA continuano a inviarsi reciproche richieste di ulteriori accertamenti sulle attività inquinanti nella fascia di protezione di 200 metri intorno ai pozzi che, evidentemente, nessuno aveva mai fatto fino alle segnalazioni di Altrabenevento.
Il sindaco Mastella annuncia per la quarta volta lo “sciopero della fame” per pretendere ulteriori finanziamenti pubblici per i depuratori, ma non vuole fare lo “sciopero della sete” che gli abbiamo proposto per pretendere dalla Regione Campania il raddoppio della fornitura di acqua buonissima del Biferno per alimentare tutta la città.”

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio