domenica 22 Maggio 2022 CIVES: per Borgomeo “il capitale sociale è la premessa dello sviluppo” | infosannionews.it domenica 22 Maggio 2022
Smooth Slider
San Pio. Muore per covid un 37enne

San Pio. Muore per covid un 37enne

Un giovane decesso per covid al San Pio di Benevento. ...

Il Benevento regala un tempo al Pisa e va fuori dai play off

Indecifrabile prima frazione dei giallorossi praticamente nulla ed inesistenti. Nella ...

Gesesa. Questa sera a Morcone interruzione idrica

Gesesa. Questa sera a Morcone interruzione idrica

Scrivono dalla Gesesa : " Comunichiamo che a causa di ...

Ato Rifiuti di Benevento: Approvate linee programmatiche EDA

Ato Rifiuti di Benevento: Approvate linee programmatiche EDA

"Si è riunito questa mattina il Consiglio dell’Ente d’Ambito dell’ATO ...

I.C. G.B. Lucarelli di Benevento diventa Plastic Free grazie a Gesesa

Anche i piccoli studenti dell’Istituto Comprensivo di Benevento si impegnano ...

Stampa articolo Stampa articolo

CIVES: per Borgomeo “il capitale sociale è la premessa dello sviluppo”

29/03/2019
By

Nuovo attesissimo appuntamento al Cives – Laboratorio di formazione al bene comune svoltosi presso la sede del Centro di Cultura “R. Calabria” di Benevento. Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione con il Sud è intervenuto ieri giovedì 28 marzo per dare il suo contributo sul tema “Liberi di vivere e lavorare al Sud”. Con lui Danilo Parente, presidente provinciale ACLI, a sostanziare, dati alla mano, le vocazioni e le potenzialità lavorative del nostro territorio. Ha introdotto i lavori Ettore Rossi, direttore dell’ufficio per i problemi sociali e il lavoro della diocesi di Benevento: “La questione si fa stringente. Il nostro Mezzogiorno rischia di essere un Paese per vecchi, stretto nella morsa delle potenzialità inespresse e dei cervelli in fuga”. Di certo, incalza il direttore, non saranno risolutivi i recenti provvedimenti per il reddito di cittadinanza e per la risoluzione delle problematiche legate alla disoccupazione al Sud. “Le questioni avrebbero meritato approcci culturali, politici e sociali diversi, la consapevolezza della necessità di riqualificare le competenze possedute e di accogliere nuove sfide nella formazione dei giovani”. Danilo Parente sembra attingere da uno scenario futuristico le nuove sfide lavorative che coniugheranno vecchi lavori e sfide inedite in tema di competenze “In futuro ci sarà bisogno di nanomedici, di costruttori di parti del corpo, di piloti spaziali e guide turistiche dello spazio, e i giovani del Sud non dovranno farsi trovare impreparati”. I giovani di Benevento di certo non saranno colti in fallo almeno a giudicare dagli esiti post laurea degli iscritti al Dipartimento di Ingegneria di UniSannio, che li vede impiegati nel brevissimo termine nel mondo o a giudicare dalla recente conquista della città a “capitale europea del vino”. Il Presidente Acli annuncia infine un prossimo concorso internazionale per oboe e clarinetto che si terrà in città.
Carlo Borgomeo si dice più certo che, rispetto alle roboanti tipologie di lavoro prospettate, il Sud debba ancorarsi alla propria vocazione territoriale e trasformarla in occupazione. Poi fornisce alcuni dati. Su questi presupposti Fondazione con il Sud finanzia percorsi progettuali. In undici anni ha erogato 200 milioni di euro per 1.100 progetti, tutti destinati al terzo settore. Sono stati finanziati asili nido, iniziative di lotta al bullismo e alle violenze di genere, di inclusione di soggetti a rischio, disabili ed ex detenuti, recupero di beni ambientali; sono stati valorizzati ben 72 beni confiscati alle mafie e riutilizzati per scopi sociali. Di questi progetti  i 4/5 continuano ad esistere anche dopo la fine del finanziamento, precisa Borgomeo. Il successo di Fondazione con il Sud sembra essere inversamente proporzionale alla capacità dei soggetti che dovrebbero agire per il Sud. “La questione è capire perché il Sud non ha recuperato il divario dopo 70 anni di politiche speciali”. Tante le speculazioni che nel tempo la politica ha prospettato. Il Presidente prova ad indicarne ed interpretarne alcune: “Il Sud è incapace e corrotto”; “Tutta colpa del Nord”; o ancora ”La causa è da ascriversi al post unità d’Italia con il saccheggio di Cavour”. Poi cita Benedetto Croce che sembra aver scritto non più tardi di ieri nella sua “Storia del regno di Napoli” che: ”Quelli del Sud dicono che il Nord è egoista; quelli del Nord che il Sud cerca assistenzialismo”. Altri nascondono messaggi razzisti dietro frasi del tipo: ”Il Sud è così perché i meridionali sono così”. Oppure usano messaggi razzisti più velati del tipo: ”E’ questione di mentalità”. ”Come se ci fossero latitudini in cui si sviluppi certa mentalità meridionale!”, tuona Borgomeo. Pur riconoscendo il valore di tanti politici meridionali di pregio, è innegabile che a lungo si è cercato mero assistenzialismo. “L’obiettivo era per Napoli di puntare allo stesso PIL di Milano”. Niente di più sbagliato per la crescita reale di un’area delicata come quella del Mezzogiorno. La differenza tra la Lombardia o l’Emilia Romagna e la Campania o la Calabria è nel numero di asili nido che penalizzano le regioni del sud. E’ provato, riferisce il Presidente, che lo sviluppo neurologico che va da 0 a 3 anni è fondamentale e non recuperabile quando i bambini non possono frequentarli. Dunque, occorre puntare al capitale sociale, da cui dipende quello economico. La perequazione deve riguardare le opportunità di crescita del capitale umano. Borgomeo cita Bill Gates che, dice, se volesse regalare fondi ad una regione deprivata del Sud non saprebbe di fatto a chi rivolgersi e l’operazione finirebbe per rimpinguare le casse delle mafie. Il recupero sociale è possibile ed auspicabile, come testimonia l’esperimento sociale di oltre cinquanta giovani nel Rione Sanità di Napoli, che sono oggi in grado di mostrare la propria busta paga ai papà camorristi. Poi Borgomeo conclude con un monito ai tanti giovani presenti in sala facendo riferimento alle nuove competenze chiave da possedere: “Imparate l’inglese e i linguaggi informatici e, piuttosto che aspettare, fate qualcosa, anche a titolo gratuito. Emigrate pure, perché l’atrocità dell’allontanarsi non è il voler andar via, ma l’essere costretti a farlo”.

Tags: