sabato 25 maggio 2019 Per “AnGHInGò Scuola” al De Simone in scena: “L’uomo dal fiore in bocca e…” | infosannionews.it sabato 25 maggio 2019
In evidenza

Progetto Orchestra Mediterranea venerdì 31 Maggio la Presentazione presso la Rocca dei Rettori

La provincia dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, insieme ...

Nasce la F.a.t. (Farm Animal Trade):compravendita di principali specie di animali d’allevamento.

Un’idea originale di un gruppo di studenti dell’Istituto tecnico “Bosco ...

Qualità dell’acqua,De Nigris chiarisce: “Il comune ha svolto attività e controlli concordati nelle varie sedi istituzionali”

Qualità dell'acqua,De Nigris chiarisce: Il comune ha svolto attività e controlli concordati nelle varie sedi istituzionali

Benevento –L'Assessore Politiche Ambientali del Comune di Benevento Luigi de ...

Il Liceo Artistico “Virgilio” trionfa al concorso “Panca d’Autore”

Per il terzo anno consecutivo, gli alunni del Liceo Artistico ...

Piazza della Salute al Rione Libertà. Un successo di partecipazione.

La scelta della location di quest'anno da Piazza Castello a ...

Precisazione del Sindaco Mastella sulla situazione economica del Comune

Precisazione del Sindaco Mastella sulla situazione economica del Comune

Il Sindaco, Clemente Mastella, in relazione alla notizie di stampa ...

Per “AnGHInGò Scuola” al De Simone in scena: “L’uomo dal fiore in bocca e…”

19/03/2019
By

Andrà in scena il 21 e il 22 marzo presso il Teatro De Simone, alle ore 10, il prossimo appuntamento in programma per “AnGHInGò Scuola”, la rassegna dedicata alle scolaresche organizzata dalla compagnia Teatro Eidos, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Benevento.

Il nuovo titolo in cartellone per la tredicesima edizione sarà “L’uomo dal fiore in bocca e…”, della compagnia Teatro Eidos, liberamente tratto da testi di Luigi Pirandello e diretto da Virginio De Matteo.

Queste le note di regia: “Ne “L’uomo dal fiore in bocca” Luigi Pirandello racconta l’autoanalisi di un uomo giunto al capolinea della vita. Su di lui pesa un verdetto di morte: è affetto da epitelioma, il “fiore in bocca”. Di notte, nel caffé di una stazione, egli si confida con uno sconosciuto che ha perso il treno e quindi ha tutto il tempo per ascoltarlo. Le riflessioni che il protagonista porge al suo interlocutore assumono in certi momenti una forza altamente poetica e, attraverso un dialogo a dir poco metafisico, l’autore realizza una mirabile sintesi fra le parole della ragione e le parole del cuore. Alla messa in scena di uno degli atti unici più famosi di Pirandello si intreccia lo spassoso racconto de “La giara”, novella emblematica del suo corpus letterario, in cui si narra la storia di una beffa paesana sullo sfondo della campagna siciliana. Don Lolò cova con gli occhi la sua bella giara nuova, che improvvisamente si rompe. Zì Dima, il conciabrocche, si cala nella giara e l’accomoda, ma quando si tratta di uscirne non può. Ciò fa infuriare Don Lolò, che manda a spaccarsi contro un albero la giara, dalla quale Zì Dima esce illeso”.

Tags: ,

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio