sabato 27 Novembre 2021 Inquinamento dei pozzi da tetracloroetilene, Altrabenevento:“Gesesa pubblica esami di un ente non accreditato” | infosannionews.it sabato 27 Novembre 2021
Smooth Slider
Un nuovo decesso per Covid al “San Pio”

Un nuovo decesso per Covid al San Pio

Ancora un decesso per Covid al "San Pio". A perdere ...

Il papà di Eataly a Unisannio per l'inaugurazione dell'anno accademico

Oscar Farinetti parteciperà alla cerimonia in programma il 28 gennaioOscar ...

Confindustria e Asl in Tandem per la Prevenzione Oncologica

Oltre 70 gli screening effettuati a limatola con il supporto ...

Noi Campani all’on.Umberto Del Basso De Caro: “Non accettiamo lezioni da chicchessia”

Noi Campani all'on.Umberto Del Basso De Caro: Non accettiamo lezioni da chicchessia

“Prendiamo atto delle affermazioni dell’onorevole Umberto Del Basso De Caro, ...

Stampa articolo Stampa articolo

Inquinamento dei pozzi da tetracloroetilene, Altrabenevento:“Gesesa pubblica esami di un ente non accreditato”

22/02/2019
By

Gabriele Corona Presidente di Altrabenevento, torna sulla vicenda del tetracloroetilene nei pozzi di Benevento riguardo ai risultati degli esami eseguiti dai laboratori. Di seguito la nota di Altrabenevento:

Gabriele Corona

“Inquinamento dei pozzi da tetracloroetilene, ACEA-GESESA per smentire i dati dell’ARPAC utilizza i risultati degli esami fatti da un laboratorio non accreditato e non pubblica invece, quelli di un altro centro di ricerche che ha certificato il superamento della Soglia di Contaminazione.

La società ACEA-GESESA che fornisce acqua a Benevento, per contestare i dati dell’ARPAC sulla presenza di tetracloroetilene nei pozzi di Campo Mazzone e Pezzapiana al limite della soglia di contaminazione (1,1 microgrammi/litro), ha dichiarato di aver verificato con appositi accertamenti che invece, il pericoloso inquinante è presente in quantitativi minimi (0,3 microgrammi/litro).

I dirigenti della società idrica non hanno però pubblicato i documenti per provare le loro clamorose affermazioni e neppure hanno chiarito chi e come ha effettuato i prelievi e quale laboratorio li ha analizzati. A noi risulta, senza dubbi, che il laboratorio è quello della società Tecno Bios srl di Apollosa, lo stesso che effettua gli esami sulla qualità dell’acqua distribuita in città, che però dal 22 marzo 2018 è stato cancellato dall’albo di ACCREDIA, Ente Italiano di Accreditamento che attesta l’affidabilità del servizio.

Possibile che ACEA, colosso della privatizzazione dell’acqua in Italia e proprietaria al 58% di Gesesa, non si sia accorta di tale cancellazione? Possibile che non se ne siano accorti neppure il dott. Luigi Abbate, l’avvocato Francesca Itro e il giornalista Antonio Orafo, membri del Consiglio di Amministrazione della società nominati dal sindaco Mastella a tutela degli interessi dei cittadini ?

Ancora più clamorosa è l’altra notizia. Ci risulta, infatti, che anche un centro di ricerche della provincia di Benevento, regolarmente autorizzato e accreditato, ha effettuato su incarico della GESESA, gli esami sul tetracloroetilene nei pozzi di Pezzapiana e Campo Mazzone, accertando il superamento della SOGLIA di CONTAMINAZIONE perché i valori sono ancora più alti di quelli riscontrati dall’ARPAC.

Perché di questi esami la GESESA che si preoccupa di fare educazione ambientale nelle scuole, non ha mai parlato?
I cittadini hanno il diritto di sapere e quindi speriamo che anche la stampa di regime, quella che finora si è solo preoccupata di recitare il “tutto/a/posto”, si decida ad approfondire e verificare le informazioni dettate del potente di turno”.
Il presidente – Gabriele Corona

Tags: ,