lunedì 8 Agosto 2022 A Dugenta è stato condotto in carcere uno spacciatore napoletano | infosannionews.it lunedì 8 Agosto 2022
Smooth Slider
Elezioni 2022: pubblicato provvedimento per indirizzo generale e vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Elezioni 2022: pubblicato provvedimento per indirizzo generale e vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Si informa che nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – ...

Spopolamento aree interne: Telese Terme in controtendenza

Spopolamento aree interne: Telese Terme in controtendenza

In 2 anni oltre 100 residenti in più. In controtendenza ...

Valle Caudina, il 10 agosto una serata dedicata a Gigi Proietti

Nell’ambito della rassegna “Opulentia” Carlotta, figlia dell’attore romano, presenterà "Ndo ...

Forza Italia Montesarchio. Domani 9 Agosto vertice organizzativo della dirigenza

Si terrà domani sera a Montesarchio, alle ore 20.00, presso ...

Il festival “Riverberi” chiude i battenti stasera nella panoramica frazione Montorsi di Sant’Angelo a Cupolo

Il festival “Riverberi” chiude i battenti stasera nella panoramica frazione ...

Stampa articolo Stampa articolo

A Dugenta è stato condotto in carcere uno spacciatore napoletano

26/06/2012
By

Cinque anni e otto mesi: questa è la condanna definitiva che Barone Claudio, 36enne residente a Quarto, in provincia di Napoli, dovrà scontare definitivamente fra le mura della Casa Circondariale di Benevento.

Il pregiudicato, tratto in arresto, in Pozzuoli, circa un anno fa in quanto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, si trovava ristretto ai domiciliari nel comune di Dugenta e, perciò, sotto il diretto controllo dei militari della locale Stazione Carabinieri che, quotidianamente, ne seguivano i comportamenti, allo scopo di segnalare tempestivamente all’A.G., eventuali violazioni delle prescrizioni connesse al regime detentivo.

E, difatti, non sono mancate le relazioni dei Militari che, in due distinte occasioni, hanno reso noto alla Magistratura l’aver trovato le “tracce” (telefonate ed e-mail) dei contatti del detenuto con soggetti residenti nel suo luogo d’origine.    

Donde, l’odierno provvedimento che, prontamente eseguito, impedirà al Barone di reiterare il reato commesso e gli illeciti segnalati.

Stampa articolo Stampa articolo