martedì 19 marzo 2019 La denuncia: “Bracconieri nell’Oasi Zone Umide Beneventane”. | infosannionews.it martedì 19 marzo 2019
In evidenza
Gesesa. Interruzione idrica nella zona Capodimonte di  Benevento per lavori di Manutenzione

Gesesa. Interruzione idrica nella zona Capodimonte di Benevento per lavori di Manutenzione

GESESA comunica che a causa di un intervento di manutenzione ...

Benevento. Fiera di San Giuseppe, presso il Ciro Vigorito, dal 22 al 24 marzo

Benevento. Fiera di San Giuseppe, presso il Ciro Vigorito, dal 22 al 24 marzo

Tantissimi espositori, street food e live music per un’edizione che ...

Altrabenevento: il Ministero dell'Ambiente chiede relazione sulla contaminazione dei pozzi Pezzapiana e Campo Mazzoni.

"Il Ministero dell'Ambiente chiede agli enti competenti una relazione sulla ...

Azienda Ospedaliera San Pio, IoX Benevento: raccolte le prime mille firme.Da oggi in strada con i gazebo

La raccolta firme, promossa dall’Associazione IO x Benevento, per chiedere ...

A Torrecuso “Io Respiro”, campagna di prevenzione sulle patologie respiratorie.

Pneumologo e spirometrie gratuite al centro anziani di Torrecuso con ...

La denuncia: “Bracconieri nell’Oasi Zone Umide Beneventane”.

11/12/2018
By

Riceviamo e pubblichiamo la denuncia di Giovanni Picone, in merito alla presenza di alcuni bracconieri nelle Oasi Zone Umide Beneventane.(Contrada Pantano)

“Domenica mattina  si è verificato un grave episodio di bracconaggio a ridosso della pista ciclopedonale di Contrada Pantano, era in corso una vera battuta di caccia in grande stile, una squadra di bracconieri si trovava addirittura sulla suddetta pista e perlustrava i terreni adiacenti con l’ausilio di diversi cani da caccia, successivamente si sono divisi, alcuni di essi sono scesi a valle in direzione del fiume Calore, altri sono saliti a monte, in direzione del rilievo collinare “Monte Sant’Angelo” il tutto all’interno di un’area che fa parte dell’Oasi Zone Umide Beneventane, e dove vige il divieto di caccia; immediatamente ho segnalato quanto stava accadendo ai Carabinieri Forestali che purtroppo per mancanza di personale di turno del comando del capoluogo, non hanno dato seguito alla mia segnalazione.

Tuttavia  – continua la nota – oltre ai danni arrecati al patrimonio faunistico, la caccia di frodo mette a rischio anche la pubblica e privata incolumità, pertanto è necessario che tutte le forze dell’ordine, e non solo il CUTFAA (Comando Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare) dei Carabinieri, intensificano i controlli in quell’area.
Inoltre ritengo che anche le istituzioni locali, iniziando dall’ente Provincia di Benevento, che ha istituito l’oasi ai sensi della legge nazionale per la protezione della fauna selvatica, debbano prendere atto del fenomeno del bracconaggio presente nel Sannio, considerato che già nelle settimane scorse sono state avvistate pattuglie di cacciatori di frodo che sciaguratamente si aggiravano sulla pista ciclopedonale e attorno alle numerose abitazioni presenti nella Contrada Pantano.
Tra l’altro – conclude Picone –  basta ricordare i numerosi incidenti che avvengono su tutto il territorio italiano, causati dall’attività venatoria, che ogni anno genera diversi morti e feriti, come il grave incidente avvenuto qualche settimana fa in località Monterocchetta nel territorio comunale di San Nicola Manfredi”.

Tags: ,

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio