20 ottobre 2018

In evidenza

Il rilancio del Mezzogiorno. Il 26 Novembre manifestazione unitaria Cgil, Cisl e Uil.

I segretari provinciali delle categorie della Uil di Benevento si ...

Pietrelcina: La collettività locale piange Alfredo Frangiosa.

A 69 anni, muore su un camion a Prato nello ...

Pastorale della Salute, a disposizione un ambulatorio mobile nelle Foranie.

Le quattro Foranie sono di Airola, Cerreto Sannita, Telese Terme ...

Benevento. Stop al traffico, istituito un coordinamento tra assessorati e uffici competenti.

La decisione è stata assunta nel corso di una riunione ...

Giornata Mondiale dell'Infanzia. Al Museo del Sannio Telefono Azzurro, Bambino Incompreso e Auser Uselte

Diverse le manifestazioni oggi dedicata alla Giornata Mondiale dell'Infanzia e ...

Koinokalò dedica alla violenza contro le donne una serie di workshop da dicembre ad aprile 2019.

Koinokalò dedica alla violenza contro le donne una serie di workshop da dicembre ad aprile 2019.

Mancano pochi giorni alla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza ...

Conferita la “laurea honoris causa” a Renzo Arbore

20/10/2018
By

Il consiglio accademico del conservatorio Statale di Musica di Benevento delibera a maggioranza la “laurea honoris causa” a Renzo Arbore.

Ritorna alla ribalta la vicenda delle lauree “Honoris causa” che tanto ha fatto riflettere nei giorni scorsi, in particolare la diatrìba tra conservatorio statale di musica e il giornalista Paolo Isotta, per tanti anni docente presso il Conservatorio statale di musica di Napoli inerente una paventata possibilità di conferire la laurea honoris causa al cantante napoletano Gigi D’Alessio. Intanto, proprio nei giorni scorsi il consiglio accademico a maggioranza ha approvato con il voto dei membri presenti la possibilità di conferire a Renzo Arbore la laurea honoris causa. Anche se va detto che presso i conservatori d’Italia si conseguono titoli di primo e secondo livello, in virtù della legge del 21 dicembre 1999 n. 508 (riforma dei conservatori di musica) chiamati appunto diplomi accademici di primo e secondo livello. Intanto, i vertici dell’istituzione musicale sannita sicuramente dopo tale approvazione a maggioranza intendono quanto prima conferire a Renzo Arbore tale importante riconoscimento con il diploma accademico di secondo livello. Intanto, fin ad ora non vi è stata nessuna comunicazione ufficiale da parte della direzione del conservatorio statale di musica di Benevento, né tantomeno da parte del consiglio d’amministrazione dell’istituto musicale. Ricordiamo che la “laurea honoris causa”, in applicazione del dettato dell’articolo 169 del testo unico approvato con regio decreto 1592/1933, può essere conferita soltanto a persone viventi che, per opere compiute o pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Struttura Didattica e di Ricerca per cui è concessa. Il conferimento della “laurea honoris causa” può essere effettuato soltanto in riferimento alle lauree magistrali, con esclusione, quindi, dei titoli triennali. Si tratta di un titolo accademico onorifico che l’università conferisce a persone che hanno contribuito in modo significativo nel campo della ricerca, dell’arte, della musica o dell’imprenditoria. La laurea è solitamente relativa alla disciplina più attinente all’area nella quale la persona ha operato.
Per la stesura dei regolamenti in materia, gli atenei si rifanno alla normativa attuale, che è data dal testo unico delle leggi sull’istruzione superiore approvato con regio decreto del 31 agosto 1933, n.1592.
Un equivoco piuttosto diffuso è quello di distinguere l’espressione laurea honoris causa dall’espressione laurea ad honorem, considerando che la prima venga conferita esclusivamente a persone viventi a differenza della seconda. L’articolo 169 in realtà non fa alcuna distinzione in proposito:
«La laurea ad honorem può essere conferita soltanto a persone che, per opere compiute o per pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline del dipartimento per cui è concessa. La deliberazione del consiglio conferisce la laurea ad honorem, deve essere presa con la maggioranza di due terzi dei voti ed approvata dal ministro per l’educazione nazionale. La laurea ad honorem attribuisce tutti i diritti delle lauree ordinarie.»
Probabilmente l’equivoco nasce dal seguente articolo 331, che considera la possibilità di conferire la laurea quale titolo onorifico per ricordare il valore degli studenti che sono caduti sotto le armi o comunque per difendere la patria, ma anche in tal caso non si fanno distinzioni tra le espressioni laurea honoris causa e laurea ad honorem.

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio