lunedì 18 febbraio 2019 Lo scienziato Iavarone a Benevento: “ecco le nostre recenti scoperte” | infosannionews.it lunedì 18 febbraio 2019
In evidenza

C'è campo? Inquinamento elettromagnetico e bisogno di comunicare,domani seminario presso l'Unisannio

Proseguono i seminari del percorso formativo  "Ingegneri liberi e forti", ...

Presentate altre due liste per il Rinnovo del Consiglio Provinciale.Chiuse le accettazioni.

Alle ore 12.00 di oggi 18 febbraio 2019 l'Ufficio Elettorale ...

Rinnovo Consiglio Provinciale.Presentate alle 20 altre due liste per le Elezioni.

Alle ore 19.35, presso l’ Ufficio Elettorale della Provincia di ...

Accademia di Santa Sofia: Bach e Mendelssohn conquistano il pubblico

Il fascino di Bach e Mendelssohn ha conquistato il folto ...

Lo scienziato Iavarone a Benevento: “ecco le nostre recenti scoperte”

10/10/2018
By

Folta platea di pubblico al teatro San Vittorino di Benevento per la Lectio Magistralis di un figlio di questa terra, il professor Antonio Iavarone, scienziato sannita che vive da anni a New York.

L’illustre medico è stato invitato dall’associazione “Futuridea” per una conferenza sul tema “La Terapia personalizzata dei tumori”.
Brevi gli interventi introduttivi di Carmine Nardone, presidente di Futuridea e Carlo Landolfi.
A seguire, Iavarone della Columbia University Medical Centre di New York e direttore del Centro di Physical Sciences in Oncology Center, ha svolto la sua relazione, aiutato da diverse slide proiettate in sala.
“Entro il 2030 i tumori aumenteranno del 70%”, questo uno dei dati chiari emersi nel corso della esposizione, che è partita da lontano, dai primi approcci del patologo Rudolph Virchow e ai tempi del “The Human Genome Project”, un progetto di ricerca scientifica internazionale.
“La ricerca avanzata sul cancro è oggi terapia per il futuro e per l’immediato. Se si studia un tumore di ogni singolo paziente, possiamo dare risposte terapeutiche in real time ad ogni tipo di paziente. Dobbiamo dire – ha proseguito – che non esistono tumori incurabili, nel senso che se avessimo grandi centri di ricerca qualunque speranza potrebbe essere data anche nei casi più difficili”. È necessario però ottenere maggiori progressi in campo scientifico che si possono conseguire solo con grossi investimenti sul campo. Dobbiamo pensare alla terapia personalizzata, ossia bombe intelligenti anziché bombe nucleari, che vadano a colpire le cellule malate”.
Successivamente ha esplicitato le recenti scoperte fatte assieme alla sua consorte e ricercatrice Anna Lasorella e alla sua equipe.
Domani lo studioso beneventano sarà insignito del Premio Internazionale “Guido Dorso” a Roma.
L’iniziativa odierna ha visto la collaborazione di: Rotary di Benevento, Lions Benevento Host, Associazione Internazionale “Guido Dorso”, Banca Popolare Pugliese e SEF Sas.

Emilio Spiniello

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio