giovedì 2 Febbraio 2023 Il Pd sempre più spaccato. De Luca contro tutti. Caduta di stile paurosa | infosannionews.it giovedì 2 Febbraio 2023
  • Cultura: Rubano (FI), congratulazioni a neo soprintendente Gennaro Leva
Smooth Slider

Resto al Sud, a Telese verrà potenziato lo sportello.

Resto al Sud, a Telese verrà potenziato lo sportello. Il ...

Leva nominato Soprintendente, gli auguri di buon lavoro del Sindaco

Leva nominato Soprintendente, gli auguri di buon lavoro del Sindaco

Benevento - Il sindaco di Benevento Clemente Mastella e l'amministrazione ...

Cultura: Rubano (FI), congratulazioni a neo soprintendente Gennaro Leva

Cultura: Rubano (FI), congratulazioni a neo soprintendente Gennaro Leva

“Congratulazioni all’architetto Gennaro Leva, nominato nuovo soprintendente Archeologia Belle Arti ...

Azienda aerospaziale Dema, Rubano: stamane incontro con le delegazioni sindacali di Fiom, Fim e Uilm.

«La crisi dell'azienda aerospaziale Dema si è trascinata per mesi ...

Stampa articolo Stampa articolo

Il Pd sempre più spaccato. De Luca contro tutti. Caduta di stile paurosa

23/09/2018
By

Tutti contro tutti, ognuno prova a salvarsi da una caduta vertiginosa. Il provinciale che ha attaccato la regione. De Luca che ha risposto a denti stretti usando anche qualche aggettivo piuttosto forte. Stoccate al nazionale dove le cose sono abbastanze fumose ed ingarbugliate.

Servizio di Silvio Chiusolo. Benevento 23 Settembre 2018

 

Vincenzo De Luca a Telese Terme. Foto di Mario Pietronigro

 

Al governatore della Regione Campania tante cose non erano andate proprio giù, a partire sicuramente dal documento stilato dal provinciale di Benevento, ragion per cui  è arrivato a Telese Terme già sul piede di guerra e, con il suo fare guascone, non si è lesinato su giudizi e rimproveri, offese e bastonature malgrado la presenza sul palco delgi esponenti locali. A detta di De Luca,  il Rummo, quale Dea di II Livello, è stato salvato; abbiamo a Benevento il più alto livello di posti letto della regione; è stato salvato l’ospedale di Sant’Agata de’ Goti; si investiranno 30 milioni di euro per realizzare il Polo Oncologico; si sono autorizzate per Benevento centinaia di assunzioni. Cosa si vuole di più ? Isola felice al pari di questa beneventana per il Governatore della Campania non esiste.

Quindi De Luca si è detto praticamente offeso da una campagna di demagogia e disinformazione che lo ha investito insieme al suo entourange. E di questo, nel De Luca pensiero, colpa ne ha anche la locale dirigenza con annessi e connessi, rei anche di “lesa maestà” per il documento stilato poco tempo addietro.

Odio e amore è stato il passato di De Luca con il nazionale, con Renzi che lo attaccò duramente dopo la sconfitta al referendum salvo poi difendere a spada tratta il figlio del De Luca stesso.  Nella primavera scorsa poi  “lo sceriffo”  più volte ha usato parole dure contro l’esecutivo nazionale e pur tuttavia da Telese Terme, dove ha sparato a zero su Martina, una figura praticamente assente lo ha definito, ha sentenziato che il superamento della crisi finanziaria del paese è merito dei Governi del Pd che invece oggi vengono ricordati come i peggiori nel mentre hanno salvato l’Italia.

Insomma un De Luca che non si smentisce e che non fa il bene del suo partito, ne tanto meno lo fanno gli altri però. L’immagine del Partito non ne esce rivalutata da questa Festa dell’Unità che ne avrebbe dovuto dare una diversa per riacquistare la fiducia degli italiani ai quali non interessano le beghe interne ma fatti concreti.

I cittadini della provincia di Benevento vogliono certezze sulla sanità in Campania e non chiacchiere da palco. Venisse De Luca a vedere cosa significa oggi vivere la sanità sannita, vivere il quotidiano perchè è da questo che bisogna ripartire perchè di Sanità si muore e al cittadino, che vive sulla propria pelle questa terrificante esperienza, non interessa sapere che si farà, si investirà, si risolverà.

Bisogna dare prove concrete ed immediate che a Benevento si possa guardare alla Sanità con fiducia altrimenti sono solo chiacchiere e passerelle, quella che ai più è parsa quella di Telese.

Comitato di protesta. Foto Mario Pietronigro

 

Tags: