In evidenza
Comitato di Quartiere Centro Storico. Venerdì 28 Settembre assemblea degli iscritti

Comitato di Quartiere Centro Storico. Venerdì 28 Settembre assemblea degli iscritti

Il Comitato di Quartiere Centro Storico di Benevento ha indetto ...

Gemellaggio tra Foiano V.F. e la cittadina di Bethlehem in Pennsylvania

Gemellaggio tra Foiano V.F. e la cittadina di Bethlehem in Pennsylvania

Giovedì 27 settembre, il Sindaco di Foiano di val Fortore, ...

Voci dagli spogliatoi. I commenti di Colantuono e Bucchi

Malgrado Colantuono tenti una timida difesa d'ufficio è stata una ...

Telese Terme, spacciava droga ai minorenni.Arrestato un cittadino straniero.

Telese Terme, spacciava droga ai minorenni.Arrestato un cittadino straniero.

Un arresto per spaccio di sostanze stupefacenti e la segnalazione ...

Benevento: sventato dai Carabinieri un furto in uno studio commerciale.

I Carabinieri con la valida collaborazione di un cittadino sventano ...

Benevento 4 Salernitana 0. Maggio, Impronta, Insigne e Asencio bastonano la Salernitana

Un ottimo Benevento, che ha dimostrato sul campo una migliore ...

Inquinamento ambientale Cusano Mutri.Sequestrata una ditta per la lavorazione di marmi.

12/09/2018
By

La ditta dagli accertamenti effettuati nell’ambito dei controlli dai Carabinieri del NOE di Napoli, è risultata sprovvista  della prescritta autorizzazione alle emissioni degli scarti di lavorazione in atmosfera e non aveva avviato a recupero e smaltimento i rifiuti prodotti dalla propria attività.

Nell’ambito dei controlli tesi a verificare il rispetto delle norme per l’inquinamento ambientale del suolo e dell’aria, al termine degli accertamenti effettuati dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Napoli in collaborazione con i militari della Stazione di Cusano Mutri,  è stato deferito in stato di libertà il titolare di una ditta per la lavorazione di marmi di quel centro.
Nella circostanza, il personale intervenuto ha accertato che l’azienda, operante nel campo della lavorazione del marmo dal 1992, era priva della prescritta autorizzazione alle emissioni degli scarti di lavorazione in atmosfera e non aveva avviato a recupero e smaltimento i rifiuti prodotti dalla propria attività, nel termine dei 12 mesi stabiliti per il deposito temporaneo, in violazione agli artt. 256 e 279 del D.lvo n.152/2006.

Pertanto, i Carabinieri hanno denunciato il titolare, un imprenditore 51enne del luogo, per le violazioni sopra descritte ed hanno posto sotto sequestro 3 capannoni industriali per complessivi 1.000 mq circa, attrezzature per segare e lavorare la pietra, per un valore complessivo di circa un milione di euro, nonche’ mc 30 di rifiuti costituiti da polvere di marmo, fanghi di sedimentazione, imballaggi e materiale abrasivo.

Tags:

             

Reliquie di San Donato a Pago Veiano

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio