In evidenza

Invito A Teatro Daniele Pecci in: L'amico ritrovato.

Secondo appuntamento per “Invito a Teatro”, la rassegna teatrale promossa ...

Premio Anassilaos-Pitagora di Samo 2018 a Massimo Squillante prorettore dell’Unisannio

Per l’attività scientifica nel campo dell’analisi e della modellazione di ...

'Il Senso delle Cose': uscito il nuovo singolo del cantautore sannita Snetsky.

'Il Senso delle Cose' (https://youtu.be/N3nR2az0OjM) è il nuovo singolo del ...

Si scaglia contro un barista, 22enne denunciato dalla Squadra Volanti.

Si è scagliato violentemente contro il dipendente di un bar ...

_______________________________________________________________________________________ _______________________________________________________________________________________

“Rete Siti Unesco”, Benevento primo partner a completare la fase d’avvio del portale.

12/09/2018
By

Nei prossimi giorni partirà la raccolta di adesioni per il lancio di una “virtual app card”

Il Comune di Benevento è stato il primo ente a concludere la fase di avvio del portale internet in costruzione (www.unesconet.eu), dedicata alla formazione di una digital library, che diverrà il punto di riferimento ufficiale del “Circuito Patrimoni del Sud”, la rete di enti ed imprese che riunisce i Siti Unesco del meridione d’Italia. Un risultato, quest’ultimo, evidenziato anche da Elisabetta Gabrielli, project leader del progetto Rete Siti Unesco.
Il portale è un’iniziativa inserita all’interno del Progetto “Rete Siti Unesco”, finanziato dal MiBACT e rivolto ai territori di Province, Città Metropolitane, liberi Consorzi Comunali e Comuni del sud Italia in cui si trovano siti UNESCO. L’obiettivo è dare vita ad una rete tra i territori del Sud Italia che ospitano un sito UNESCO al fine di promuovere, attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, tutte le risorse paesaggistiche, culturali, enogastronomiche di tali territori in un’offerta turistica unica e integrata.
I 14 siti Unesco del Meridione inseriti nel programma sono: i Sassi e il Parco delle Chiese Rupestri di Matera (MT), la Costiera Amalfitana (SA), il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, con i siti archeologici di Paestum, Velia e la Certosa di Padula (SA), il Complesso monumentale di Santa Sofia di Benevento, la Reggia di Caserta del XVIII con il Parco, l’acquedotto Vanvitelli e il Complesso di San Leucio (CE), Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale (PA), Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica (SR), le Città tardo barocche del Val di Noto (SR), la villa romana del Casale di Piazza Armerina (EN), l’Area Archeologica su Nuraxi di Barumini (SU), i trulli di Alberobello (BA), Castel del Monte (BT), il santuario Garganico di San Michele a Monte Sant’Angelo (FG), la Foresta Umbra (FG).
“La rete siti Unesco – ha spiegato Elisabetta Gabrielli, project leader del progetto Rete Siti Unesco – ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo turistico dei territori, creando condizioni per il miglioramento dell’economia dell’area, utilizzando la forte attrattività dei siti Unesco come leva per la promozione di tutto il patrimonio culturale, naturale, enogastronomico dell’area, e mediante la costruzione di destinazioni turistiche e itinerari, collegando i siti Unesco al territorio. Tale obiettivo viene perseguito mediante una strategia di policy e una strategia di offerta. La strategia di policy mira alla strutturazione di una rete interregionale tra enti locali, istituzioni e aziende private, per stabilire modalità di lavoro condivise sui territori, al fine di attuare economie di scala; la strategia di offerta mira alla destagionalizzazione dei flussi turistici, incrementando il turismo culturale, all’aumento dell’accessibilità dei siti Unesco, alla valorizzazione on line del turismo culturale specializzato, al forte utilizzo delle tecnologie della comunicazione e informazione, capaci di offrire servizi specialistici al turista prima, durante e dopo la visita. L’innovazione tecnologica è strumento indispensabile nel progetto per l’aumento della qualità dell’offerta e la qualificazione della interazione tra gli attori del territorio”.
Insieme al portale internet, nei prossimi giorni sarà messo a punto il lancio di una “virtual app card”, una card turistica virtuale integrata che permetterà ai turisti iscritti al circuito di avere accesso a un sistema integrato di agevolazioni, quali sconti, promozioni, dando visibilità agli operatori che hanno aderito alla rete. In tal modo il turista potrà optare per soluzioni integrate (ricettività, tempo libero, trasporto locale, acquisto di prodotti tipici, visite ai siti) con la possibilità di predeterminare in anticipo le risorse di cui vuole godere e la migliore combinazione di agevolazioni per l’accesso. A tale scopo, il Comune di Benevento invierà il modulo di iscrizione agli operatori turistici che vorranno aderire alla rete.
“Sono certo – ha dichiarato l’assessore alla Cultura del Comune di Benevento, Oberdan Picucci – che fare rete tra territori accumunati dalla grande ricchezza culturale che l’iscrizione ai siti Unesco assicura, può determinare ricadute importanti sul piano turistico. Finalmente anche Benevento avvia un percorso virtuoso per strutturare il territorio con servizi dedicati ai viaggiatori ed accreditarsi come una tra le mete turistiche finalmente riconosciute del sud Italia. In tale direzione va anche l’incontro con gli operatori, le associazioni e gli enti territoriali che operano nel campo turistico, organizzato per martedì 18 settembre, nella certezza che solo facendo squadra si potranno raggiungere risultati importanti per la città”.

Tags: ,

             

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio