domenica 9 Agosto 2020 Bolkestein, Lonardo (FI) aderisce a Giornata nazionale dei balneari italiani | infosannionews.it domenica 9 Agosto 2020
Smooth Slider

Nuove Linee Guida Pillola RU486. Democratici e Progressisti : Bene il Ministro !

"Ora la Regione faccia la sua parte ! "L’intervento del ...

Forza Italia. Di Palma nominato Coordinatore Giovani di Puglianello

“Di concerto con il vicario Raffaele Siciliano e con i ...

Mucciacciaro (Lega) sulla graduatoria PIG: "Troppe aziende escluse dai finanziamenti"

Mucciacciaro (Lega) sulla graduatoria PIG: Troppe aziende escluse dai finanziamenti

“Qualche giorno fa, è stata pubblicata la graduatoria regionale definitiva ...

Forza Italia Montesarchio. Mazzariello Il nostro investimento più prezioso sono i giovani

“Stiamo investendo nei giovani. I giovani sono il futuro dei ...

San Pio. 36 tamponi tutti negativi

San Pio. 36 tamponi tutti negativi

L’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data 8 Agosto nr. ...

Bolkestein, Lonardo (FI) aderisce a Giornata nazionale dei balneari italiani

26/08/2018
By

Zona franca per il  litorale Domitio-Flegreo.

“Mi sono recata oggi a Bagnara, Castel Volturno, e Pesco Pagano, Mondragone, per aderire alla ‘Giornata nazionale dei balneari italiani’, indetta dal Sindacato italiano balneari per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle conseguenze che l’errata applicazione della direttiva europea nota come Bolkestein comporterebbe contro gli stabilimenti balneari italiani. Sono stata accolta dal presidente regionale SIB, Marcello Giocondo, con il quale abbiamo avuto modo di soffermarci soprattutto sulle gravi difficoltà che l’intero litorale Domitio-Flegreo vive. La condizione di degrado in cui versano quelle zone è inaccettabile. Fare impresa, investire e garantire un lavoro in un territorio così devastato è davvero impossibile. Mi ha spiegato che da un ventennio ormai il litorale è sottoposto al problema dell’erosione della costa e a divieti di balneazione a causa dell’inquinamento marino che, inevitabilmente, determina la morte delle aziende. A ciò va sommato il grave problema dell’immigrazione clandestina sulla linea di costa dove sono stati occupati gli immobili destinati ad uso estivo. Se a tutto questo, inoltre, associamo anche il problema delle attività malavitose tipiche del territorio, si potrà comprendere come ci si trovi di fronte ad una miscela esplosiva devastante per le imprese della zona. È una situazione emblematica ed unica in Italia, con aggravanti che, sommandosi alle difficoltà delle concessioni, annientano e mettono in ginocchio i 42 km di costa. E pur versando in simili condizioni, l’erario pretende da loro lo stesso versamento dei canoni demaniali che hanno gli stabilimenti di Forte dei Marmi. Di qui la loro richiesta che il Governo riconosca, invece, questa come zona franca ed agisca quanto prima con interventi straordinari e risolutivi. Ne parlerò in seno al Gruppo FI: sono certa che non li lasceremo soli, ma ingaggeremo tutte le battaglie necessarie affinché si accendano i riflettori su una zona tanto devastata”. Lo dichiara la senatrice di Forza Italia, Sandra Lonardo.

Tags: