In evidenza

Benevento by night. Domani sabato 20 Ottobre il secondo appuntamento.

Si terrà domani , sabato 20 ottobre dalle 19, il ...

Operazione “Movida Sicura”, verbali per oltre 30mila euro

Ammonta a oltre 30mila euro l'importo complessivo dei verbali elevati ...

Benevento.Presentato il libro : “A Benevento nacque San Giuseppe Moscati”

Presso l’auditorium Ospedale Sacro Cuore di Gesù, presenti il Superiore ...

Gesesa presenta ai Comitati di Quartiere di Benevento il Progetto del Sistema di Depurazione.

GESESA ha presentato ieri, mercoledì 17 ottobre, il progetto complessivo ...

Benevento Calcio. Allenamenti del mercoledì aperti ai tifosi. Nasca di Bari arbitrerà Benevento-Livorno

Il Benevento Calcio comunica che, dalla prossima settimana, la seduta ...

Parente alla Mazzoni sul piano periferie : “Facesse la morale ad altri e non a noi”

10/08/2018
By

Il capo della segreteria politica di Clemente Mastella usa toni duri ed attacca l’ex vicesindaco Erminia Mazzoni.

“Erminia Mazzoni, che era vicesindaco dell’amministrazione che ha proposto i progetti a cui il Governo ha sottratto i finanziamenti già accordati, sa molto bene che l’attuale amministrazione cittadina si insediò ad appena a 10 giorni dalla chiusura di quel bando.

Ciononostante riuscimmo a partecipare, anche tra le difficoltà tipiche di un Comune in dissesto e con pochi tecnici che diedero l’anima per riuscire nell’impresa, e fornimmo alla Città di Benevento ed ai suoi quartieri una chance assolutamente dovuta.
La cosa grave, che la Mazzoni fa fatica a capire, è che il sindaco della città di Benevento ha poi partecipato con la fascia tricolore a palazzo Chigi ad una manifestazione nella quale venne stipulato un contratto, per nome della città con la Presidenza del Consiglio. Un concorso all’inizio aperto ad alcuni e successivamente integrato con altre presenze, tra cui quello della città di Benevento che aveva tutti i requisiti, giuridici, logici, grammaticali, per i quali la Mazzoni non sembra darsi ragione.
Quando si firma un contratto e si viene meno alla parola data ed a quanto stipulato, chi viene meno non solo risulta inadempiente ma, quando essendo in gioco i destini di intere comunità, sul piano morale e sul piano politico risulta un vero e proprio farabutto.
Uno Stato farabutto non può esistere, né governi farabutti possono esistere. Ed è tanto vero che siamo dalla parte giusta che vogliamo ricordare alla Mazzoni che anche il sindaco di Livorno (5 Stelle) e quello di Terni (Lega) hanno espresso identico rammarico per la variazione che li precipita nelle stesse condizioni di Benevento. Facesse la morale ad altri e non a noi.
Peraltro, siamo di fronte alla stessa persona che quando in Parlamento fu presentato un ordine del giorno contro la presenza a Benevento della scuola di Magistratura, voluta dal ministro Mastella, non si schierò al fianco dei beneventani ma dall’altra parte.
Basta ciò per capire l’incredibile amore per la città di Benevento…”. Lo dichiara il consigliere Renato Parente, capo della segreteria politica del sindaco Clemente Mastella.

Tags:

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio