In evidenza
Altrabenevento. Al Comune di Benevento: ” Gestione bordeline delle Finanze “

Altrabenevento. Al Comune di Benevento: Gestione bordeline delle Finanze

Altrabenevento: "conti economici confusi; dissesto solo per pagare i debiti ...

Conferenza Stampa di presentazione della VIII Edizione della Kermesse I Concerti Della Bottega

La Conferenza Stampa "I Concerti Della Bottega" è  in programma ...

Convegno di Benevento Libera. Le ragioni di una nuova regione: Il Molisannio.

Convegno di Benevento Libera. Le ragioni di una nuova regione: Il Molisannio.

L'Associazione “Benevento Libera” organizza per il giorno 20 luglio 2018, ...

“E’ più Bello insieme” il CSP risponde al dirigente Verdicchio

E' più Bello insieme il CSP risponde al dirigente Verdicchio

E' più Bello Insieme che da settimane è al centro ...

Politiche del lavoro, rivoluzione dei Centri per l’impiego e Piano di assunzioni per la PA della Regione Campania

Visita istituzionale dell’Assessore Palmeri e del Consigliere Mortaruolo a Telese ...

Libera : ” Se un bene confiscato diventa un bene comune allora il sacrificio è servito a qualcosa”

10/07/2018
By

Il Festival dell’impegno Civile è andato in scena, se così si può dire, questo pomeriggio in contrada Olivola davanti all’ex cementificio Ciotta.

“Siamo in ritardo ma siamo ancora in tempo” è lo slogan del Festival  che riprende le parole di don Peppe Diana e che tratta, tra le altre cose, da ben 11 anni anche di denunce sociali. Presenti questo pomeriggio oltre all’Associazione Libera anche il primo cittadino di Benevento Clemente Mastella, la cui vice Serluca è stata al centro nei mesi scorsi di una aspra polemica a proposito di alcune sue esternazioni, ed il Procuratore Capo Aldo Policastro. Martino, ha invitato tutti a fare la propria parte ed d essere uniti per utilizzare i beni confiscati per il sociale o istituzionale perchè solo in questo modo il sacrificio sarà servito.

Il sindaco Mastella all’esortazione ha risposto dicendo che il recupero dovrà essere sociale  e umano ma non la resa.

Un tiratina di orecchie al Sindaco l’ha fatta il Procuratore affermando : “Le istituzioni hanno il dovere di dare delle risposte. Ciascuno deve interrogarsi sui beni confiscati. Non può essere lasciato in abbandono, diventi una battaglia comune“.

Tags:

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio