giovedì 4 Marzo 2021 Altrabenevento. La GESESA per acquisire i pozzi di San Salvatore Telesino lamenta carenza idrica | infosannionews.it giovedì 4 Marzo 2021
Smooth Slider

Cives in dialogo con Marino Cavallo su un’altra idea di smart city

Mercoledì 10 marzo alle ore 17.30 CIVES – Laboratorio di ...

Diocesi Cerreto: l'11 Marzo online un percorso biblico-teologico

Scuola di formazione Teologico-Pastorale, partirà online un percorso biblico-teologico su ...

Foto Mario Pietronigro

Benevento è crisi, sconfitto anche dal Verona per 3 reti a zero.

Squadra inguardabile e scelte sbagliate da Inzaghi. Così non va, ...

Dalla Asl risultano oggi 41 nuovi positivi al Covid

Dalla Asl risultano oggi 41 nuovi positivi al Covid

Dal bollettino inviato dalla Asl di Benevento arrivano nuove positività ...

Al “San Pio” sono 19 oggi i nuovi positivi al Covid

Al San Pio sono 19 oggi i nuovi positivi al Covid

L'Azienda Ospedaliera  “San Pio” ha processato in data odierna  406 ...

Altrabenevento. La GESESA per acquisire i pozzi di San Salvatore Telesino lamenta carenza idrica

19/06/2018
By

… ma poi pretende di servire anche Apollosa e i comuni che confinano con Benevento.

La Regione Campania ancora una volta ha stanziato qualche milione di euro per rendere attivi i pozzi di San Salvatore Telesino da assegnare a ACEA/Gesesa per affrontare la perenne emergenza idrica. Una notizia simile, continuano da Altrabenevento, era stata data anche a Febbraio 2017 ma i lavori non sono mai stati effettuati. Quei 12 pozzi costruiti trent’anni fa e mai entrati in funzione perché l’acqua è troppo “dura” per la presenza eccessiva di calcio e magnesio, sono tutt’ora devastati. Gesesa però insiste affinchè si facciano i costosissimi lavori di ripristino di tutti gli impianti e per portare quell’acqua a Benevento chiede che le sia assegnato anche il tratto di acquedotto campano che attualmente è alimentato con l’acqua del Biferno. Ma perché dovremmo rinunciare all’acqua buona molisana per bere l’acqua dura di San Salvatore Telesino?
E’ evidente che tale manovra serve solo ad ACEA, il colosso (per il 51% del Comune di Roma e poi Caltagirone e SUEZ) che è proprietario del 58% di Gesesa e che grazie a quei pozzi e al connesso acquedotto vuole “servire” altri 20 comuni e quindi poter partecipare alla costituzione del Gestore Unico dell’ATO 1 cioè le province di Avellino e Benevento.
Per raggiungere questo scopo ACEA tenta di “convincere” anche i comuni confinanti con Benevento (Apollosa, San Leucio del Sannio, Ceppaloni, San Nicola Manfredi, San Giorgio del Sannio, Sant’Angelo a Cupolo, ecc) ad abbandonare Alto Calore (un carrozzone che pur avendo a disposizione acqua buonissima fa di tutto per creare disservizi) e aderire a Gesesa.
Ma nessuno spiega quale acqua garantirebbe ai nuovi utenti l’azienda presieduta da Luigi Abbate che lamenta continuamente il pericolo emergenza per mancanza di acqua.

Tags: