lunedì 21 gennaio 2019 Possibile delocalizzazione Unità Materno–Infantile di San Salvatore Telesino. | infosannionews.it lunedì 21 gennaio 2019
In evidenza
Sicurezza in Valle Telesina.Il sindaco Pasquale Carofano incontra le Forze dell’Ordine.

Sicurezza in Valle Telesina.Il sindaco Pasquale Carofano incontra le Forze dell'Ordine.

"Poco fa ho invitato il Questore di Benevento, il Comandante ...

“Città Spettacolo Teatro 2019”. Il 23 Gennaio la presentazione della rassegna.

Città Spettacolo Teatro 2019. Il 23 Gennaio la presentazione della rassegna.

Mercoledì 23 gennaio alle ore 11:30, presso la Sala Conferenze ...

Il 23 Gennaio incontro all'Unifortunato su Libera Iniziativa Economica e Autoimprenditorialità

I casi di studio “Capatoast” e “Mister Lasagna” presentati agli ...

Sostanze tossiche nei vestiti prodotti in Cina e venduti in Europa. Pedicini (M5s) interroga la Commissione europea

Tessuti tossici dalla Cina al mercato italiano. L’inchiesta della trasmissione ...

PD Candidature per la segreteria regionale e nazionale: Preferiti Martina - De Caro

Congresso Pd, nel capoluogo sannita, preferiti Martina-De Caro. Si è svolto ...

Incantano i Valzer di Strauss eseguiti dall'Orchestra da Camera dell'Accademia di Santa Sofia

Non poteva esserci miglior esordio per l'Orchestra da Camera stabile ...

Possibile delocalizzazione Unità Materno–Infantile di San Salvatore Telesino.

14/06/2018
By

Mons. Battaglia: “I bisogni delle persone vengono prima dei bisogni della politica”.

Visita a sorpresa del vescovo della Diocesi che, accompagnato dal sindaco Romano, ha visitato la struttura e ascoltato il personale sanitario.

Una visita informale e a sorpresa, quella che ha visto protagonista questa mattina il vescovo della Diocesi don Mimmo Battaglia, che si è recato presso il Centro Materno – Infantile di via Molino Pacelli a San Salvatore Telesino. Una visita che fa seguito ad una serie di preoccupazioni espresse da alcune famiglie che, nei giorni scorsi, hanno incontrato il vescovo della Diocesi di Cerreto Sannita – Telese – Sant’Agata de’Goti, esternandogli tutta la loro preoccupazione nel corso di una ‘chiacchierata’ sull’ipotesi di delocalizzazione del Consultorio. Il centro, infatti, è facilmente raggiungibile e spostarlo in una diversa e non ben localizzata posizione potrebbe arrecare diverse difficoltà all’utenza.
Proprio per questi motivi, ma anche per conoscere la situazione strutturale e ascoltare la voce dei tanti operatori sanitari che lavorano all’interno del Centro, il vescovo diocesano ha preferito recarsi sul posto di persona. Una sorpresa anche per i tanti utenti presenti. Don Mimmo, dopo aver fatto il giro della struttura, stretto mani e giocato con i bambini, si è soffermato ad ascoltare il personale apparso preoccupato per la delocalizzazione.
Alla fine del colloquio ha poi ribadito: “I bisogni delle persone e del territorio vanno sempre ascoltati e vengono prima dei bisogni della politica. Se la politica è lontana dai problemi della gente, allora la politica è lontana dalla politica”. Un monito forte, che punta al cuore della sua azione pastorale: la giustizia sociale, la vicinanza e l’ascolto delle persone, il lavorare per alleviare le sofferenze di tanti, troppi. Prima di salutare, don Mimmo si è scusato con gli utenti per l’improvvisata: “Mi perdonerete, ma stiamo lavorando per voi”.
Ad accompagnarlo, anche Fabio Romano, sindaco di San Salvatore Telesino, che già lo scorso 5 maggio aveva inviato una lettera a Franklin Picker, direttore generale dell’ASL Benevento, senza però ricevere alcuna risposta. Nella missiva, la fascia tricolore, spiegava: “Si tratta di una struttura realizzata e concessa gratuitamente all’Asl, rispettosa delle norme di sicurezza e priva di barriere architettoniche”. Alla base del paventato trasferimento, ci sarebbero alcune infiltrazioni: “Gli interventi necessari – aggiungeva Romano – non comporterebbero impiego di ingenti risorse economiche e potrebbero essere realizzati in breve tempo senza necessità di sospensione dell’attività. Rispetto all’immobile in questione, inoltre, risulterebbero già stanziati fondi per la ristrutturazione”. L’apertura di Romano e del comune di San Salvatore Telesino è totale: “Vi è ampia disponibilità da parte dell’Ente sia di compartecipare al ripristino dell’immobile che indicare altra idonea struttura, sempre all’interno del territorio nell’eventualità che, per le opere a farsi, sia necessario liberare l’immobile”.

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio