In evidenza
Gesesa: Interruzione idrica notturna a San Giorgio la Molara da giovedì 18 Ottobre.

Gesesa: Interruzione idrica notturna a San Giorgio la Molara da giovedì 18 Ottobre.

GESESA comunica che, a causa di un abbassamento fisiologico delle ...

Assemblea dell’Asia. Madaro: “Prosegue l’operazione di ristrutturazione aziendale”

Assemblea dell'Asia. Madaro: Prosegue l’operazione di ristrutturazione aziendale

“Si è tenuta oggi l’assemblea dell’Asia Benevento S.p.A., nella quale ...

Città Europea del Vino 2019, Mortaruolo: “Lavoro importante dei Comuni e della Regione Campania

Mortaruolo: “Lavoro importante dei Comuni e della Regione Campania ispirati ...

Manutenzione Predittiva e Digital Innovation Hub. Il 18 ottobre in Confindustria Benevento

Si terrà il prossimo 18 ottobre in Confindustria Benevento con ...

Linea verde Accademia con Iannelli, Guerriero e Ricciardi

E' un'Accademia concentrata sul presente ma che guarda anche al ...

Presso la Sala “Gianni Vergineo” al Museo del Sannio: Il Pentagramma della Memoria - Suoni di… Versi

L'iniziativa si inserisce in un cartellone a livello nazionale commemorativo ...

Ceppaloni: i Carabinieri denunciano due persone per reati ambientali.

13/06/2018
By

Permane alta l’attenzione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati anche all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

Nella giornata di ieri in Ceppaloni, i Carabinieri della Compagnia CC di Montesarchio, unitamente a personale del Nucleo Operativo Ecologico CC di Napoli, hanno eseguito un controllo presso un complesso turistico. A seguito degli accertamenti sono state riscontrate irregolarità in ordine al Testo Unico Ambientale relativamente alla mancata osservazione del divieto di scarico di acque reflue industriali con conseguente deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento del titolare dell’impresa. Di conseguenza è stata sottoposta a sequestro la vasca non a tenuta stagna di raccolta delle acque reflue scaricate dopo le operazioni di contro-lavaggio.
A essere  denunciato in stato di libertà l’amministratore unico di una società per aver gestito, in assenza di autorizzazione, nella fase di stoccaggio, rifiuti pericolosi e non prodotti da altra azienda e abbandonato in modo incontrollato i rifiuti della propria attività. Scattava pertanto il sequestro dell’area interessata dalla presenza dei rifiuti.

Tags:

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio