domenica 26 Giugno 2022 Libro di Bruno Menna “La questione di Benevento al Parlamento”.Sarà presentato a San Giorgio del Sannio. | infosannionews.it domenica 26 Giugno 2022
Smooth Slider

Pago Veiano. Forum Giovani: martedì 28 giugno il nuovo Presidente

Nello stesso giorno verrà eletto il nuovo consiglio direttivo formato ...

Corona : ” La Provincia e l’Asea non applicano le norme sul Deflusso Ecologico”

Corona : La Provincia e l'Asea non applicano le norme sul Deflusso Ecologico

Poca acqua dalla diga al fiume Tammaro, Altra Benevento contesta ...

A Benevento il Jazz è Vivo, con il concerto sotto le stelle “Le canzoni della radio”.

Si è conclusa, venerdì sera, in una gremitissima e calorosa ...

Benevento. Attestato in Biologia per i ragazzi del Liceo Scientifico “Galilei Vetrone”

Prime confidenze con la Medicina prima di affrontare l’Università.Il progetto ...

San Pio. Stazionaria la situazione al nosocomio nelle ultime 24 ore

San Pio. Stazionaria la situazione al nosocomio nelle ultime 24 ore

Resta stazionaria la situazione pazienti Covid al San Pio di ...

Giornata nera sulle strade: 6 feriti a Solopaca, incidente anche sulla tangenziale di Benevento.

Giornata nera sulle strade: 6 feriti a Solopaca, incidente anche sulla tangenziale di Benevento.

Tutta da accertare la dinamica di un incidente stradale avvenuto ...

Stampa articolo Stampa articolo

Libro di Bruno Menna “La questione di Benevento al Parlamento”.Sarà presentato a San Giorgio del Sannio.

10/05/2018
By

Sabato 12 Maggio, ore 19, a Palazzo Bocchini di San Giorgio del Sannio, sarà presentato il libro di Bruno Menna “La questione di Benevento al Parlamento”.

Insieme con l’autore, interverranno Enzo Parziale, presidente dell’associazione “Campania Europa Mediterraneo”, Pellegrino Oliviero, Teresa Ferragamo e il sindaco del centro sannita, Mario Pepe, mentre Lino Cutisposto darà vita alle Letture risorgimentali.

Il libro (edito da Aesse Grafica) è focalizzato su quanto avvenne alla Camera, nella primavera del 1861, laddove un pur sparuto gruppo di deputati mise a rischio l’autonomia e i confini dell’appena costituita provincia sannita, appena liberatasi dalla condizione di enclave pontificia, impugnando le ragioni dei territori confinanti (Caserta, Avellino, Foggia, Campobasso), che erano stati costretti, da un decreto del Principe di Carignano, Luogotenente del Re, a cedere comuni e quote di sovranità.

Fu una disputa, dialettica e procedurale, che la delegazione parlamentare, composta da Federico Torre e Nicola Nisco, supportata dalla rappresentanza politica e istituzionale della città, seppe “vincere”, anche con il benestare del ministro dell’Interno, Marco Minghetti, contrario a revisioni che inficiassero il già faticoso percorso unitario, all’indomani della nascita del Regno d’Italia.

Il titolo origina da un “istant book” dell’epoca, scritto dall’avvocato Giuseppe Manciotti nel mese di aprile 1861, che condensava le rivendicazioni e le giuste ambizioni della città considerando l’istituzione (voluta da Garibaldi) e la conferma (affidata al Parlamento) della provincia sannita come un riconoscimento alla storia, all’offerta culturale ed economica e alla posizione baricentrica dell’antica capitale del Sannio.

Tags: ,