lunedì 10 dicembre 2018 De Nigris : “Anche l’Ordine dei Medici ha espresso perplessità sull’Atto aziendale proposto dai vertici del A.O. San Pio” | infosannionews.it lunedì 10 dicembre 2018
In evidenza
Dimensionamento scolastico, Mortaruolo: “Due nuovi indirizzi per la scuola sannita”

Dimensionamento scolastico, Mortaruolo: “Due nuovi indirizzi per la scuola sannita”

“Tra i nuovi indirizzi di studio che la Regione Campania ...

Ricerca Idrocarburi nel Fortore.I sindaci convocati a Napoli contrari al progetto della Delta Energy

A margine della riunione di oggi, presso il Centro Direzionale, ...

Benevento, Mollica (M5S) sollecita l’Amministrazione su Biblioteca Comunale, Istruzione e Cultura.

Benevento, Mollica (M5S) sollecita l'Amministrazione su Biblioteca Comunale, Istruzione e Cultura.

"E’ trascorso quasi un anno da quando il Consiglio Comunale ...

Importante traguardo per Luigi Salierno, che consegue la Laurea Magistrale in Economia a Indirizzo Internazionale.

Presso l’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di scienze economiche, ...

Guardia Sanframondi: Grande Successo per la Manifestazione:La Buona Novella

A Guardia Sanframondi hanno preso il via gli eventi natalizi. ...

Provincia Benevento. Aggiornamento del Piano Anticorruzione.

Provincia Benevento. Aggiornamento del Piano Anticorruzione.

I cittadini e le Associazioni portatrici di interessi collettivi, le ...

De Nigris : “Anche l’Ordine dei Medici ha espresso perplessità sull’Atto aziendale proposto dai vertici del A.O. San Pio”

22/04/2018
By

“Anche l’Ordine dei Medici, con un proprio documento, ha espresso perplessità sull’Atto aziendale proposto dai vertici del A.O. San Pio. Trattandosi di un Organo che nel nostro Ordinamento figura come ente pubblico, ovvero Ente Ausiliario dello Stato di natura non economica, immagino che nessuno potrà attribuirgli vicinanza a chicchessia forza politica o partitica.”

“L’odierno intervento dimostra quindi che le criticità immediatamente espresse sull’Atto Aziendale dal Sindaco Mastella – quale massima Autorità sanitaria locale – non erano affatto strumentali, come qualche incauto interlocutore ha cercato di far trasparire. Esse, infatti, si basavano su solide ed incontrovertibili ragioni che, con il passare dei giorni, hanno trovato moltissime conferme, non solo da parte dei rappresentanti del modo politico-amministrativo, ma anche tecnico professionale.
I medici sanniti, dopo aver ricordato che dal 2016 hanno evidenziato il preoccupante scenario di declassamento che si profilava per la nostra struttura ospedaliera, si sono chiesti come sia possibile realizzare quanto previsto nell’Atto se non si conoscono: la dotazione organica, i tempi di realizzazione dei numerosi concorsi, il piano delle assunzioni e degli investimenti, i tempi di acquisizione dei beni e dei servizi, e come sia possibile, in costanza del D.M. N° 70/2015, avere certezze sul mantenimento di due DEA di 2° livello nelle Province di Benevento ed Avellino.
A ciò vanno aggiunte le ulteriori osservazioni di questi giorni riguardanti la grave carenza di personale sanitario, i turni stressanti e continuativi, i cumuli di ferie arretrate non fruibili, medici precari non assunti
Domande comuni ed osservazioni di buon senso a cui, se si escludono gratuite offese e/o pubbliche minacce, che evidenziano un clima intimidatorio e insofferente alla critica, nessuno dei responsabili ha finora avuto il coraggio di dare puntuali risposte.
L’Atto aziendale un primato forse ce l’ha, ma è totalmente negativo Infatti, mentre in Italia e nel mondo si portano competenze e professionalità negli Ospedali più grandi e provinciali (anche per ottimizzare e risparmiare), lasciando nelle periferie i Pronto Soccorso di primo impiego ed eventualmente le lungodegenze e/o le Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA), tanto necessarie in Campania poichè quasi inesistenti, qui da noi si fa il contrario. Si decentra, si delocalizza, si smembra, si sminuisce, si riduce umiliano pazienti, medici, operatori sanitari e non, in modo davvero inqualificabile.

Non è azzardato immaginare, nel caso l’Atto non venga ritirato o modificato, di trovarsi, per un’opera che sembra destinata a restare incompiuta ancor prima della sua nascita, al cospetto di pazienti che per una consulenza specialistica dovranno aspettare giorni e giorni; di medici costretti ad andare su e giù da Benevento a Sant’Agata dei Goti e ritorno, per fornire consulenze varie non presenti in quest’ultima struttura; di uno spreco di risorse nazionali, regionali e/o provinciali.

Per i vertici del Rummo e della Regione Campania, rivedere le proprie posizioni predisponendosi ad un sereno ascolto del territorio, non deve essere inteso come una sconfitta, ma come un atto di forza e di umiltà. Non riparare all’errore, significherebbe infatti commetterne due.”

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio