In evidenza

Pietrelcina. Festività della Madonna del Carmine. Due giornate di fede e tradizione in contrada Acquafredda

Ritorna puntuale ogni anno in contrada Acquafredda la tradizionale festa ...

Tragedia a Dugenta. Una quindicenne muore in un incidente stradale

Codice rosso per gli altri tre occupanti dell'autovettura. Erano tutti a ...

Benevento. Vandali imbrattano la facciata dell'Auditorium San Vittorino

La solita imbecillità che ciclicamente si presenta per imbrattare i ...

Benevento. Primi calci in famiglia con Coda scatenato

Primo test tutto in famiglia con due tempi da 35 ...

Sant’Agata de’ Goti. Gesesa comunica la chiusura dello sportello  per i prossimi giorni.

Sant'Agata de' Goti. Gesesa comunica la chiusura dello sportello per i prossimi giorni.

GESESA comunica che martedì 17 e venerdì 20 Luglio 2018, ...

Riprisitnana la strada provinciale tra Pago Veiano e San Giorgio La Molara

Stamani, a cura del Settore Infrastrutture della Provincia di Benevento, ...

Anche a Benevento il flash mob silenzioso degli avvocati sanniti contro l’Inps

16/04/2018
By

Anche a Benevento il flash mob silenzioso degli avvocati sanniti contro l’Inps, fuori al Palazzo di Giustizia sannita.

I giovani professionisti di tutta Italia protestano contro la cosiddetta “Operazione Poseidone”, l’azione di recupero di contributi sommersi avviata dall’Inps insieme all’Agenzia delle Entrate nel 2011.
“Nel 2005 partì l’operazione “Poseidone 1”, che poi fu bloccata inizialmente, visto che l’Inps spiegò che si trattava effettivamente di contributi non dovuti, poi nel 2010 sono ricominciate le vessazioni nei nostri confronti”, spiega l’avvocato Massimiliano Fini.
“Anche ingegneri ed architetti, in totale circa 800 mila persone, rischiano di chiudere i battenti perché le cartelle sono davvero alte per poter essere coperte in un periodo di crisi come questo ed oltre la normale tassazione”., ha spiegato.

“Gli avvocati rispondono esclusivamente alle normative del proprio regolamento professionale e previdenziale. Auspichiamo quindi che anche la Corte di Cassazione abbia la sensibilità di interpretare il dettato normativo cosi come la legge prevede e cosi come recita l’interpretazione autentica di una relazione del Senato (atto di forza del legislatore), che è dalla nostra parte”.
Speriamo di vincere questa battaglia e nel contempo invitiamo l’Inps ad interrompere questa attività, dopo le circa 300 sentenze a nostro favore.”

di Emilio Spiniello

Tags:

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio