In evidenza

Danneggiata l'auto della giornalista sannita Teresa Ferragamo.

Danneggiata l'auto della giornalista, Teresa Ferragamo che sul blog Sannio ...

XXVII Strabenevento, domani la conferenza stampa di presentazione

XXVII Strabenevento, domani la conferenza stampa di presentazione

Domani 24 aprile alle ore 11, nella sala consiliare di ...

Benevento: Ubriaco alla guida tampona auto e tenta di scappare, denunciato dalla Polizia

Benevento: Ubriaco alla guida tampona auto e tenta di scappare, denunciato dalla Polizia

Aveva appena tamponato un’auto per poi darsi alla fuga il ...

Unisannio: Continuano al DEMM gli appuntamenti con Strategy@Work

Dopo la visita agli stabilimenti KIMBO domani incontro con Autore. Entusiasmo ...

Successo per il doppio appuntamento con i concerti dell’Accademia di Santa Sofia.

Grande successo per i concerti dell'Accademia di Santa Sofia che ...

Elezione della RSU: Programma della Lista Uil F.P.L. Benevento

15/04/2018
By

Nei giorni 17, 18 e 19 aprile 2018 il rinnovo della rappresentanza sindacale unitaria (R.S.U.) della Provincia di Benevento per il prossimo triennio.

“Care colleghe, cari colleghi,
nei giorni 17, 18 e 19 aprile 2018 saremo chiamati a rinnovare la rappresentanza sindacale unitaria (R.S.U.) della Provincia di Benevento per il prossimo triennio. Questa volta, è ancora più importante che vengano eletti lavoratori che possano cambiare radicalmente l’azione sindacale all’interno della Provincia di Benevento.

La UIL F.P.L., in passato, ha già risolto numerosi problemi che riguardano:
a) le progressioni verticali per circa 120 posti;
b) l’aumento del valore del buono pasto sostitutivo della mensa, poi riportato con legge punitiva a 7,00 euro;
c) le progressioni orizzontali per la totalità del personale che ne aveva diritto;
d) la banca delle ore e la flessibilità dell’orario di lavoro;
e) la nuova regolamentazione degli incentivi per le funzioni tecniche.

Tenuto conto della condizione di precarietà istituzionale nella quale versano le province italiane, sarebbe del tutto ingeneroso presentarsi unicamente con la lista dei problemi da risolvere!

Però, i rappresentanti della UIL F.P.L. sono fortemente impegnati per ottenere:
a) la riorganizzazione “snella” della struttura operativa della Provincia di Benevento, finalizzata – per quanto ancora possibile – alla valorizzazione delle professionalità interne (bisogna mettere in atto quelle progressioni verticali ancora possibili, facendo scomparire la categoria A);
b) l’incremento dell’indennità per compiti di responsabilità fino al massimo contrattuale, nonché l’indennità di disagio prevista dal nuovo CCNL per le funzioni locali;
c) la previsione delle nuove progressioni economiche orizzontali, tenuto anche conto che il nuovo CCNL per le funzioni locali ha previsto l’istituzione della posizione economica A6, B8, C6 e D7.

I rappresentanti della UIL F.P.L. si batteranno, inoltre, per:
1. la democrazia sindacale all’interno dell’Ente;
2. un nuovo modello di relazioni sindacali veramente partecipativo;
3. l’informazione costante e tempestiva ai lavoratori sulle scelte da operare;
4. la ricerca dell’unità sindacale sulle decisioni da assumere.

APPELLO AGLI ELETTORI
E’ da tanti anni che prestiamo servizio presso l’Ente Provincia e possiamo dire che ormai conosciamo tutti come in una grande famiglia. Le grandi strategie politiche, le promesse a vuoto non valgono per chi come noi vede nei colleghi l’espressione dei valori veri della vita. Ciò vale anche e soprattutto per le RSU, perché si può scegliere di votare chi è capace di portare proposte pacate al tavolo delle trattative, valutando le esigenze e le necessità di tutti. Pensiamo a:
quei colleghi che quotidianamente si impegnano e curano i propri compiti con capacità e dedizione;
quei colleghi che non hanno mai fatto pesare l’aggravio di lavoro dovuto alla grave carenza di personale che si è venuta a creare negli ultimi anni;
quei colleghi che hanno i requisiti giuridici e capacità lavorative notevoli e che nel lavoro non si sono fermati allo svolgimento dei soli compiti della categoria di appartenenza.
Dobbiamo creare le condizioni affinché le loro aspettative trovino risposte nelle possibilità di crescita professionali e di lavoro. Siamo favorevoli, per il bene dei lavoratori e dell’Ente, all’attivazione delle procedure selettive per la progressione tra le aree per chi ne ha i requisiti e unicamente secondo criteri di seria meritocrazia. Concordiamo sulla necessità di riconoscere le progressioni orizzontali premiando chi è fermo da più anni nella stessa posizione economica. Occorre saper proporre all’Ente in modo corretto le strade per raggiungere gli obiettivi comuni in modo da creare un ambiente lavorativo più sereno e soddisfacente. Anche la parte pubblica dovrebbe fare la sua parte, perché operare le scelte con obiettività possa creare le condizioni ottimali affinché il lavoratore renda e apporti il meglio di sé. Un sorriso, una chiacchierata e un buongiorno possono rendere tutto più facile.
Il nuovo contratto di lavoro ribadisce la possibilità di assegnare le indennità per specifiche responsabilità anche ai dipendenti delle categorie B e C, di rideterminare le diverse indennità (rischio, disagio, maneggio valori, etc…) ferme ormai da oltre diciotto anni.
Nella fase di riorganizzazione dell’Ente sarà importante individuare i compiti e le funzioni specifiche, richieste dalla normativa vigente anche, e soprattutto, in considerazione delle innovazioni introdotte da procedure e controlli obbligatori. A tal fine, il nuovo fabbisogno del personale dovrà tener conto di tutti gli adempimenti che non risultano ancora ufficialmente assegnati, ma che attualmente vengono svolti con dedizione e professionalità.

Tags:

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio