martedì 19 marzo 2019 Comitato dell’Acqua Sannita, Padre Zanotelli: “Tesoro da preservare” | infosannionews.it martedì 19 marzo 2019
In evidenza
Gesesa. Interruzione idrica nella zona Capodimonte di  Benevento per lavori di Manutenzione

Gesesa. Interruzione idrica nella zona Capodimonte di Benevento per lavori di Manutenzione

GESESA comunica che a causa di un intervento di manutenzione ...

Benevento. Fiera di San Giuseppe, presso il Ciro Vigorito, dal 22 al 24 marzo

Benevento. Fiera di San Giuseppe, presso il Ciro Vigorito, dal 22 al 24 marzo

Tantissimi espositori, street food e live music per un’edizione che ...

Altrabenevento: il Ministero dell'Ambiente chiede relazione sulla contaminazione dei pozzi Pezzapiana e Campo Mazzoni.

"Il Ministero dell'Ambiente chiede agli enti competenti una relazione sulla ...

Azienda Ospedaliera San Pio, IoX Benevento: raccolte le prime mille firme.Da oggi in strada con i gazebo

La raccolta firme, promossa dall’Associazione IO x Benevento, per chiedere ...

A Torrecuso “Io Respiro”, campagna di prevenzione sulle patologie respiratorie.

Pneumologo e spirometrie gratuite al centro anziani di Torrecuso con ...

Comitato dell’Acqua Sannita, Padre Zanotelli: “Tesoro da preservare”

26/03/2018
By

Il Comitato dell’Acqua Sannita ha organizzato presso il salone “Sacro Cuore” dei padri Cappuccini di Benevento, un affollato dibattito popolare dal titolo “L’Acqua del nostro territorio è in pericolo”.

Ospite padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, tra i principali sostenitori ‘dell’acqua bene pubblico e diritto universale’. Al tavolo i promotori del comitato, don Cosimo Cavalluzzo e Giannicola Seneca. Inoltre, erano presenti in platea numerosi politici.
Zanotelli si è detto “ indignato per quanto sta avvenendo sotto i nostri occhi verso i migranti, nell’indifferenza generale. Stiamo assistendo – ha detto – a gesti e a situazioni inaccettabili sia a livello giuridico, etico ed umano. Battiamoci soprattutto per evitare la privatizzazione dell’acqua pubblica”.
“ È fondamentale – ha proseguito – sensibilizzare la cittadinanza ed è importante che ci sia un comitato che si incontri periodicamente, che emetta comunicati stampa sulla situazione locale. Il pericolo grosso, in queste zone, è che la Gesesa spa perda sempre più la parte pubblica e la ceda al privato; inoltre in Puglia si sta tentando di creare la prima grande società e rete del Sud nell’ambito idrico, cosa che vogliamo assolutamente bloccare”.
“Se la gente perde l’acqua ha perso il suo tesoro più importante, il suo bene prezioso”, ha continuato il missionario.
A fine secolo saremo 9 miliardi di persone, rischiando di avere almeno 3 miliardi senz’acqua, quindi diventano situazioni sempre più difficili.
Nella consultazione popolare del giugno 2011, il 54% degli elettori ha votato contro la privatizzazione del sistema idrico, ma la politica è andata in tutt’altro segno”, ha concluso.

di Emilio Spiniello

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio