lunedì 10 dicembre 2018 Basta con le giustificazioni, De Zerbi si prenda le colpe delle sue scelte. | infosannionews.it lunedì 10 dicembre 2018
In evidenza
Dimensionamento scolastico, Mortaruolo: “Due nuovi indirizzi per la scuola sannita”

Dimensionamento scolastico, Mortaruolo: “Due nuovi indirizzi per la scuola sannita”

“Tra i nuovi indirizzi di studio che la Regione Campania ...

Ricerca Idrocarburi nel Fortore.I sindaci convocati a Napoli contrari al progetto della Delta Energy

A margine della riunione di oggi, presso il Centro Direzionale, ...

Benevento, Mollica (M5S) sollecita l’Amministrazione su Biblioteca Comunale, Istruzione e Cultura.

Benevento, Mollica (M5S) sollecita l'Amministrazione su Biblioteca Comunale, Istruzione e Cultura.

"E’ trascorso quasi un anno da quando il Consiglio Comunale ...

Importante traguardo per Luigi Salierno, che consegue la Laurea Magistrale in Economia a Indirizzo Internazionale.

Presso l’Università degli Studi di Verona, Dipartimento di scienze economiche, ...

Guardia Sanframondi: Grande Successo per la Manifestazione:La Buona Novella

A Guardia Sanframondi hanno preso il via gli eventi natalizi. ...

Provincia Benevento. Aggiornamento del Piano Anticorruzione.

Provincia Benevento. Aggiornamento del Piano Anticorruzione.

I cittadini e le Associazioni portatrici di interessi collettivi, le ...

Basta con le giustificazioni, De Zerbi si prenda le colpe delle sue scelte.

18/03/2018
By

Come al solito trova le cosidette “pezze a colore” sulle scelte sbagliate operate. Mai una volta che avesse il coraggio di fare mea culpa. Questo a prescindere dall’arbitraggio scandalosamente inadeguato.

Prima di esprimere la nostra personale opinione, opinabile fin quando si vuole ma ciò che accade in campo è sotto gli occhi di tutti, due parole sugli arbitraggi e sul loro operato. Premesso che in altre piazze, anche importanti e quindi già con la classe arbitrale in soggezione, le proteste vengono fatte in maniera vibrante anche con l’ausilio dei giornalisti, è da prendere atto che in questa città,  basta dare uno sguardo ai commenti dopo partita, gli stessi sono quasi tutti molto “soft”,. In pratica si  evita di citare episodi importanti che hanno danneggiato il Benevento, e questo a prescindere dal fatto che abbiano potuto o meno incidere sul risultato. Direte quali ? Bene allora vediamo quanti giornali hanno riportato il fallaccio di Castan che doveva essere sanzionato con il secondo giallo e quindi il rosso per il cagliaritano. E il calcio d’angolo nel primo tempo  su retro passaggio sempre di Castan non visto dal guardalinee perchè troppo lontano ? Ed i due falli laterali in attacco dati contro al Benevento sempre nel primo tempo per lo stesso motivo ? Ma sono solo una parte di ciò che accade in campo. Quindi, poichè la serie A non c’e l’ha regalata nessuno, Vigorito a parte, scrivere e denunciare a gran voci i torti ” è cosa buona e giusta ” nel mentre il buonismo e il lasciar correre, ahimè non paga.

Parliamo ora di De Zerbi. In una partita delicata ed importante, veramente ultima spiaggia che poteva ridare qualche speranza, come sarebbe stato visto la sconfitta del Verona, del Crotone, del Chievo alla quale si poteva aggiungere quella del Cagliari, perchè rischiare un giocatore in forse fino all’ultimo momento e sprecare una sostituzione ad inizio ripresa ? Parliamo di Sagna, per il quale il curriculum non deve essere un lasciapassare per il rettangolo verde. Quindi sulle fasce dal primo minuto andavano schierati Venuti e Letizia. Poi arriviamo alle sostituzioni. Preso atto che Billong è stato l’ennesimo, diciamo così giocatore sbagliato per questa squadra, e preso atto che siamo una squadra che non sa difendere, perchè concedere metri agli avversari sostituendo un trequartista con un difensore (?) ed una punta con un centrocampista. Perchè non ha tenuto in apprensione la difesa ospite con un Diabatè che poteva dialogare con Coda ? Per l’ex salernitano poi, croce e delizia, è vero che sbaglia tanto ma è pur vero che De Zerbi lo sfianca da solo in avanti con il peso dell’attacco tutto sulle sue spalle.

Allora,De Zerbi, ci vuole coraggio ed attributi, altrimenti si resta una promessa della panchina, buono solo per la Lega Pro, l’unica dove finora ha fatto bene. E’ vero, sta dando gioco alla squadra ma, sicuramente sbaglieremo, somiglia tanto al caso di un altro allenatore con il quale vale il detto : ” bel calcio ma sempre retrocessione”.

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio