In evidenza

Lega. Nel Sannio stravince il si al contratto con il Movimento 5 Stelle (98,5%)

È plebiscitaria la vittoria del "Sí" ai gazebo della Lega ...

Pago Veiano. Impianto di depurazione: pronti circa 600 mila euro

Pago Veiano. Impianto di depurazione: pronti circa 600 mila euro

Al via la Centrale unica di committenza di quattro comuni ...

Controlli Carabinieri. Otto persone denunciate, tre segnalate come assuntori si stupefacenti e 7 F.V.O. per pregiudicati

I servizi di controllo del territorio, nell’ambito dell’operazione “alto impatto”, ...

Liberi Uguali,Alessandra Limata sul sistema di alternanza scuola lavoro introdotta con la Legge 107/2015.

13/02/2018
By

Dichiarazione della candidata Alessandra Limata.

“Dall’esperienza quotidiana di assessore alle Politiche Sociali del Comune di Torrecuso ho potuto toccare con mano la disgregazione del tessuto sociale che ha generato situazioni di povertà non solo economica ma soprattutto morale.
C’è bisogno di un progetto di welfare diffuso e universale attraverso l’estensione del REI (reddito di inclusione) perché la dignità inizia dal soddisfacimento dei bisogni primari della persona; attraverso l’adozione di un piano sociosanitario nazionale per la disabilità incentrato sulla domiciliarità, perché le famiglie non vanno lasciate sole; attraverso la ricostruzione di spazi di socialità e partecipazione non solo fisici perché una società cresce se crescono le singole comunità.
Come assessore alla Pubblica Istruzione non posso non condannare l’aberrazione del sistema di alternanza scuola lavoro introdotta con la Legge 107/2015, una riforma che snatura il ruolo formativo della scuola e che abitua gli studenti ad accettare un mondo del lavoro fatto di ricatti e senza diritti. E’ la logica stessa della cosiddetta “Buona Scuola” che va cancellata e sostituita con una scuola il cui obiettivo fondamentale sia la formazione in un ambito che garantisca condizioni di uguaglianza sostanziale attraverso la gratuità e la laicità della scuola stessa.
In quanto funzionario giudiziario, ho capito che il problema principale della giustizia è la certezza del diritto non tanto, come affermato dalle teorie del liberismo economico, per aumentare gli investimenti delle imprese estere ma soprattutto per garantire gli interessi delle parti più deboli e indifese della società. Diventa così indispensabile procedere alla completa informatizzazione dei processi, allo snellimento dell’immensa mole di leggi e all’adeguamento del personale in termini di svecchiamento e valorizzazione”.

Tags:

             

GIRO D’ITALIA 2018 – PARTENZA DA PESCO SANNITA

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio