In evidenza
Del Basso De Caro : “Ennesima deformazione della realtà compiuta da Salvini”

Del Basso De Caro : Ennesima deformazione della realtà compiuta da Salvini

"Il vice premier Salvini, in questi giorni, in uno dei ...

Al via Una estate Gavota a S.Marco promossa dalla società SannioFortorEuropa

Quattro libri in serie e incontri culturali nel Fortore. Così ...

10° Edizione Torneo di Tennis “Città di Morcone”. Al via le iscrizioni.

Dopo il successo della IV edizione del Memorial “Aurora Marino, ...

“Pellicole nel Cassetto”. Quest’anno “Benevento Città Spettacolo” riapre al cinema.

Pellicole nel Cassetto. Quest’anno “Benevento Città Spettacolo” riapre al cinema.

Pellicole prodotte e mai viste saranno proiettate al “San Marco”, ...

Romanzo estivo: Mastella, i serpenti e i coniglietti.

Romanzo estivo: Mastella, i serpenti e i coniglietti.

Seconda parte, la superficie dell'ex conigliera/palestra utilizzata per accogliere migranti ...

Arpaise, coltivazione e produzione di sostanza stupefacente.Arrestati dai Carabinieri padre e figlio.

12/02/2018
By

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Montesarchio, nell’ambito di un’attività di indagine finalizzata al contrasto del fenomeno della produzione e coltivazione di sostanze stupefacenti, hanno individuato una piantagione all’interno di una abitazione privata sita nella frazione Terranova del comune di Arpaise.

I Militari dopo un periodo di osservazione hanno proceduto al controllo di tutta l’abitazione, dove, all’interno di un garage venivano trovate, ben occultate, due serre contenenti 20 piante di marijuana, delle quali 5 alte mt. 1,50 circa e n. 15 alte circa cm. 40 pronte per il trapianto. Nel prosieguo della perquisizione venivano inoltre rinvenuti 220 semi, 30 rametti essiccati, materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente e materiale per la produzione come fertilizzanti, concimi, un deumidificatore e numerose lampade per il riscaldamento dell’ambiente.

Da successivi accertamenti eseguiti presso laboratorio dell’Arma dei Carabinieri si è accertato che la sostanza in questione pesava complessivamente circa 7 kg. e che dalla stessa sarebbero state ricavate circa 9000 dosi pronte per essere immesse nel mercato locale.

I soggetti, padre e figlio, rispettivamente di anni 41 e 19, che curavano tale “attività”, sono stati quindi tratti in arresto per i reati di produzione e coltivazione di sostanze stupefacenti e sottoposti ai domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
La sostanza stupefacente, il materiale per in confezionamento e quello utilizzato per la produzione venivano sottoposti a sequestro.

Tags:

             

Reliquie di San Donato a Pago Veiano

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio