lunedì 18 febbraio 2019 Fatebenefratelli, il 3 Febbraio convegno: La sedazione in terapia intensiva” | infosannionews.it lunedì 18 febbraio 2019
In evidenza

In arrivo la Superluna del 19 febbraio.

Si tratta della più grande e brillante luna piena del ...

Premio Strega 2019, Incontro programmatico in Comune.Ad Aprile i 12 libri finalisti.

Premio Strega 2019, Incontro programmatico in Comune.Ad Aprile i 12 libri finalisti.

Benevento. Premio Strega 2019, al lavoro la macchina organizzatrice per ...

Depuratore primo obiettivo raggiunto.Ance: La rete delle professioni ha fatto Centro.

Interventi positivi sulla questione del depuratore grazie alle sinergie messe ...

Bra.Ti formazione SG Volley, sconfitta preannunciata.

La squadra del Presidente Camerlengo, priva di ben quattro pedine ...

Invito a Teatro: in scena Enrico Lo Verso in “Uno, nessuno, centomila”

Al San Marco per la direzione artistica di Giambattista AssantiGrande ...

C'è campo? Inquinamento elettromagnetico e bisogno di comunicare,domani seminario presso l'Unisannio

Proseguono i seminari del percorso formativo  "Ingegneri liberi e forti", ...

Fatebenefratelli, il 3 Febbraio convegno: La sedazione in terapia intensiva”

02/02/2018
By

Ospedale Fatebenefratelli 

Sabato 3 febbraio, a partire dalle ore 8.30, si terrà presso la Sala Congressi “Maria De Giovanni” – Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli, il convegno sul tema “LA SEDAZIONE IN TERAPIA INTENSIVA” organizzato dall’U.O.C. di Anestesia e Rianimazione

L’esperienza del ricovero in terapia intensiva – ha dichiarato la responsabile dell’unità operativa Dott.ssa Maria Cusano – è descritta, secondo risultati di inchieste e studi effettuati, come un evento traumatico per il paziente, caratterizzato da una serie di disagi fisici e psichici che si aggiungono alla patologia di base che ha motivato il ricovero.
Scopo del convegno è quello di affrontare in maniera multidisciplinare le varie problematiche del paziente ricoverato in terapia intensiva, dalla deprivazione del sonno alla corretta analgosedazione, alla diagnosi precoce dei disturbi dispercettivi, all’umanizzazione delle cure fino all’accoglienza dei familiari.
In terapia intensiva infatti, spesso il paziente è solo, non dorme, o almeno non in maniera adeguata, è agitato, ha dolore e presenta disturbi della coscienza che possono portare ad una sindrome di stress post traumatico qualora venga risolta l’emergenza rianimatoria.
Le tematiche – ha concluso la dott.ssa Cusano – saranno trattate da esperti del settore: rianimatori, psicologi, neurologi, logopedisti, alcuni dei quali provenienti da altre province e da altre regioni.

Tags:

             

Ca.Ri. srl

Italia Service Servizi Finanziari s.r.l.

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio