lunedì 28 Settembre 2020 Giovanni D’Aronzo. Partito Socialista italiano: L’attentato di Brindisi un gesto vile ed efferato. | infosannionews.it lunedì 28 Settembre 2020
Smooth Slider
Mastella chiarisce ai risentiti avvocati di Cervinara di non aver fatto nessuna ordinanza

Mastella chiarisce ai risentiti avvocati di Cervinara di non aver fatto nessuna ordinanza

Scrive su facebook il Sindaco Mastella : "Poi basta . ...

Giornata Mondiale del Turismo. Oggi gruppi in Città in visita ai nostri monumenti

In occasione della Giornata mondiale del Turismo, oggi, 27 settembre, ...

Pietrelcina. Casa del Pellegrino: la manifestazione d’interesse per l’acquisto dell’immobile ancora in alto mare

Pietrelcina. Casa del Pellegrino: la manifestazione d’interesse per l’acquisto dell’immobile ancora in alto mare

Di proprietà dell’Asl di Benevento ubicata in località Piana Romana, ...

Antonella Pepe : “Nessuna ambiguità. Alternativi a Mastella.”

Antonella Pepe : Nessuna ambiguità. Alternativi a Mastella.

È iniziata una nuova fase del Partito Democratico, scrive Pepe, ...

Giovanni D’Aronzo. Partito Socialista italiano: L’attentato di Brindisi un gesto vile ed efferato.

20/05/2012
By

L’attentato di Brindisi suscita orrore e angoscia, è una ferita inferta all’Italia.

Giovanni D'Aronzo Delegato nazionale PSI

Lo dice Giovanni D’Aronzo delagto nazionale del Psi, commentando l’attentato avvenuto nei pressi dell’Istituto professionale “Morvillo e Falcone” di Brindisi. “Un atto vile ed efferato –continua il delegato del Psi –  voglio esprimere tutta la mia vicinanza e quella dei socialisti di Benevento alla famiglia della giovane Melissa e alla città di Brindisi.

Lo Stato, agisca con risolutezza per individuare i responsabili dell’accaduto.
Provo rabbia e sgomento. Oggi – continua D’Aronzo – è un giorno triste per tutti noi”.
“e’ adir poco sconvolgente. La morte di una ragazza di 16 anni che si stava recando a scuola  e i numerosi feriti causati dall’esplosione ci lascia sgomenti. Intanto va sottolineato che  da un lato attaccare una scuola vuol dire attentare all’istruzione, ai giovani e dunque al futuro del nostro Paese; dall’altro la storia recente dell’Italia dimostra che in momenti di evidente fragilita’ istituzionale ed economica, mafie, criminalita’e terrorismo ne approfittano per colpire.

Print This Post Print This Post