lunedì 25 Gennaio 2021 Presentato questa mattina a Palazzo Mosti il libro “Mia sorella Emanuela” | infosannionews.it lunedì 25 Gennaio 2021
Smooth Slider

Asl Benevento. Dai tamponi 17 positivi

L'Asl di Benevento comunica che sono stati processati oggi 134 ...

Serluca : ” Facciamo chiarezza sulle richieste di pagamento Tari e Imu 2015″

Serluca : Facciamo chiarezza sulle richieste di pagamento Tari e Imu 2015

A seguito delle notizie apparse sulla stampa, scrive l'Assessore Serluca,  ...

Lonardo : “Il Ministro Di Maio non aiuta il Governo Conte. Nessuna fiducia a Bonafede.”

Lonardo : Il Ministro Di Maio non aiuta il Governo Conte. Nessuna fiducia a Bonafede.

“ Vuole i voti per continuare a fare il Ministro ...

Città Aperta: Bando Periferie, ripartire dal Consiglio Comunale.

È sconcertante la superficialità, per non dire la poca trasparenza, ...

Istituto Comprensivo “San Pio”: il gran ritorno degli alunni della scuola media

Istituto Comprensivo “San Pio”: il gran ritorno degli alunni della scuola media

A Pesco Sannita solamente turno antimeridiano deciso dall’ordinanza del sindaco ...

San Pio. Di nuovo un decesso, 4 i nuovi ricoverati. Dai tamponi 20 nuovi casi

Al San Pio un deceduto nelle ultime 24 ore. Nessun ...

Presentato questa mattina a Palazzo Mosti il libro “Mia sorella Emanuela”

19/05/2012
By

Il libro è stato scritto da Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, e dal giornalista del “Corriere della Sera” Fabrizio Peronaci  con prefazione di don Luigi Ciotti.

Pietro Orlandi, presente stamane a Palazzo Mosti, relativamente alle indagini della Procura di Roma sulla scomparsa della sorella in circostanze misteriose avvenuta il 22 Giugno 1983, che ora si sono indirizzate, con l’accusa di concorso nel sequestro di Emanuela,  verso la persona di mons. Pietro Vergani, un tempo rettore della Basilica di Sant’Apollinare, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Emanuela è stata messa sulla bilancia di interessi politici ed economici. Molto probabilmente, la vicenda può riguardare tutti i soldi della mafia che sono andati a finire nelle casse del Banco Ambrosiano dei Calvi e di lì andare a Solidarnosc in Polonia. La banda della Magliana ha avuto solo un ruolo di manovalanza nella vicenda. Don Vergani  è l’unico testimone rimasto in vita. Ho detto spesso che bisognava indagare nel legame tra Stato, Chiesa e criminalità che girava intorno alla sepolutura di De Pedis. La direttrice della scuola di musica di Emanuela evitava di portare gli alunni in quella chiesa e li portava altrove, evitando che entrassero in contatto con don Vergani. Evidentemente, sapeva che c’era qualcosa che non andava all’interno di quella Basilica. Indagare don Vergani per concorso nel sequestro  è un primo passo, ma non significa aver capito cosa è accaduto. Emanuela potrebbe essere stata portata all’interno della Basilica e magari da lì, portata in un altro posto. Questo, purtroppo, non lo sappiamo. E’ un lavoro che fa la magistratura, ma che può fare anche il Vaticano, perché soltanto il Vaticano può capire dall’interno i rapporti che c’erano tra Vergani, il cardinal Poletti, allora presidente della Cei, De Pedis e la malavita”.

Print This Post Print This Post