In evidenza
Rifiuti e tangenti in Campania. Sandra Lonardo: “fiducia nella Magistratura evitare strumentalizzazioni a fini elettorali”

Rifiuti e tangenti in Campania. Sandra Lonardo: fiducia nella Magistratura evitare strumentalizzazioni a fini elettorali

“Sono davvero tante le riflessioni che possono scaturire dagli scandali ...

Stregati da Sophia: il 23 Febbraio il quinto incontro su“Ricordando Zygmunt Bauman”

Stregati da Sophia: il 23 Febbraio il quinto incontro su“Ricordando Zygmunt Bauman”

Seguirà l’inaugurazione della mostra fotografica: “Zygmunt Bauman e il Festival ...

M'Illumino di Meno: Unisannio spegne le luci ma accende la conoscenza

Anche l’Università del Sannio aderisce alla giornata del risparmio energetico ...

Rapina Frasso Telesino: i consiglieri Viscusi,Ciervo e Iannotti, esprimono vicinanza alle famiglie colpite.

Rapina Frasso Telesino: i consiglieri Viscusi,Ciervo e Iannotti, esprimono vicinanza alle famiglie colpite.

Problema sicurezza. I consiglieri d'opposizione: "Questo è il momento della ...

Valentino: Registro Tumori Risultato Importantissimo

Questa mattina Carmine Valentino ha partecipato, in qualità di sindaco ...

“I Senatori dell’Albo” Incontro organizzato dal Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Benevento.

“I Senatori dell’Albo” Incontro organizzato dal Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Benevento.

“I Senatori dell’Albo”, così si apostrofa l’evento organizzato dal Collegio ...

Vittoria Principe: “ Questa è l’amministrazione dei festini. Nessuna iniziativa per un Natale sociale e solidale”

14/11/2017
By

Ancora una programmazione tesa a soddisfare solo ed esclusivamente azioni dell’apparire attraverso la solita musica e musichetta da pro loco . – esordisce così Vittoria Principe (Pd) nella nota inviata alla stampa –

“E’ stato stabilito, infatti, dalla giunta di investire per le prossime festività natalizie soldi pubblici, circa 150mila euro, tesi solo a soddisfare una fetta di cittadini che sarà chiamata a condividere le solite luminarie e musichette, come detto, da pro loco.

Una amministrazione – continua la nota –  che ha dimenticato del tutto ogni iniziativa a favore del sociale e solidale. Tutto viene delegato all’impegno costante e puntuale della Chiesa e del terzo settore. Una sorta di pilatesca lavata di mani. Nel programmino proposto dal solito direttore artistico, quello buono per tutte le stagioni, non abbiamo letto di alcuna iniziativa a favore di quelle fasce meno abbienti, di quei bambini che vivono momenti di disagio (se non un selfie con babbo Natale) di tutte quelle categorie a partire dagli anziani che non hanno a chi “votarsi” per essere almeno ascoltati. Ci chiediamo che fine abbianp fatto le politiche sociali e di solidarietà?? Il Natale è l’evento più significativo per mettere in campo ogni sforzo utile, teso al sostegno del prossimo. In altre realtà, questo è il primo punto di un programma natalizio, di quelle amministrazioni che tengono alle proprie comunità.

Nella nostra comunità ci saremo aspettati un Natale Solidale, dove far nascere, attraverso l’esigenza di vivere il periodo natalizio, uno spirito di partecipazione verso chi affronta la vita partendo da una condizione di svantaggio. Ma forse, a questi amministratori è chiedere troppo. Amministratori evanescenti, tesi sempre più all’apparire che all’essere. Basti vedere lo stato di irreversibilità in cui verte il commercio, vero termometro dell’economia locale. La cultura e le politiche giovanili inesistenti.

Una vicenda mensa che non trova alcuna soluzione dopo i tanti valzer di assessori. Il gioco dell’oca dei Vice Sindaco, ogni tre mesi si cambia, a mò di quadriglia. Una sorta di giostra, – conclude Principe –  dove tutti si divertono, tranne i cittadini, che pagano tasse e per giunta le più alte d’Italia, così come confermato in tv nazionale (proprio ieri a mattino 5) dal Sindaco di Verona, Tosi. Per le politiche sbagliate ed inconcludenti li si che arriviamo a confermarci primi sul piano nazionale. Non ci resta che aspettare ancora un po’, illuderci che esista Babbo Natale e, attraverso la letterina natalizia, chiedere un dono: Mastella lasci Palazzo Mosti.”

Tags:

             

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio