Riunione esecutivo nazionale Uil | infosannionews.it
In evidenza

Associazione Politico Culturale RADICI International. Nomina regionale a Valentino Soreca

A Valentino Soreca assegnata la nomina di Responsabile RADICI per la ...

I delegati al Congresso Nazionale di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale

I delegati al Congresso Nazionale di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale

Al President Hotel si è svolto il congresso provinciale di ...

Torrecuso. Ristrutturazione del plesso scolastico Antonio Fusco: l'assessore Alessandra Limata, annuncia l'avvio dei lavori

Finalmente i lavori per l'ampliamento e l'ammodernamento dell' edificio scolastico ...

Ritorno all'agricoltura, Mortaruolo: “Noi ci crediamo e siamo vicini ai giovani”

“Tornare all'agricoltura rappresenta il modo migliore per dare a un ...

GESESA Per il Territorio: “Bimbi in Bici”, Terza Tappa della Prima edizione per Benevento

L'intento è quello di trasmettere tramite lo sport i valori eco ...

Santa Sofia in Santa Sofia: Mariano Rigillo affascina con la Divina Commedia

Pubblico delle grandi occasioni per il ritorno in città del ...

Riunione esecutivo nazionale Uil

14/11/2017

La segreteria territoriale della Uil Avellino/Benevento rende noto il documento licenziato dall’Esecutivo nazionale della Uil, riunitosi in data odierna a Roma:

“L’Esecutivo nazionale della Uil si è riunito per una valutazione complessiva sul confronto in corso con il Governo che, dopo una prima fase al Ministero del lavoro, si sta svolgendo ora alla Presidenza del Consiglio dei ministri. L’Esecutivo apprezza il lavoro condotto unitariamente dalla delegazione alla trattativa che, con la sua azione sindacale, è riuscita a ottenere dal Governo alcuni avanzamenti. Da questo punto di vista, sono da segnalare: l’estensione ad altre quattro categorie della qualifica di attività gravose; la modifica delle modalità di misurazione delle variazioni dell’aspettativa di vita; l’equiparazione tra pubblico e privato per la tassazione incentivante relativa alla previdenza complementare; l’istituzione di due commissioni tecnico-scientifiche, con la presenza delle parti sociali, per l’individuazione di ulteriori attività gravose e per la separazione della previdenza dall’assistenza; la possibilità di riutilizzare sempre a fini previdenziali le risorse risparmiate nell’ambito di questo stesso capitolo; e, infine, l’innalzamento della soglia del Fondo di Integrazione salariale. Tuttavia, l’Esecutivo nazionale della Uil, pur apprezzando questi primi risultati, li giudica ancora insufficienti per esprimere un giudizio compiuto e chiede, quindi, che siano accolte le ulteriori rivendicazioni espresse al tavolo della trattativa. A tal fine, l’Esecutivo della Uil ritiene che sia stata opportuna la scelta, condivisa unitariamente, di prolungare il tempo del confronto e di chiedere la presentazione di un testo scritto che permetta una valutazione analitica delle proposte del Governo. In particolare, la Uil ritiene che siano necessari: interventi per le future pensioni dei giovani soggetti a lavori discontinui e per la valorizzazione del lavoro di cura, svolto soprattutto dalle donne; la proroga dell’Ape sociale al 2019, oltre all’ampliamento delle categorie dell’Ape sociale per il 2018; l’estensione del blocco del meccanismo dell’aspettativa di vita anche ai requisiti per la pensione di anzianità; l’impegno esplicito a che gli esiti del lavoro delle due Commissioni siano tradotti in un provvedimento; ulteriori interventi a sostegno della previdenza complementare; e, infine, un meccanismo di adeguamento delle pensioni in essere che tenga anche conto di una diversa e più coerente composizione del paniere di riferimento, oltre al recupero del montante. Alla luce di questo quadro, l’Esecutivo nazionale della Uil dà mandato alla delegazione alla trattativa di valutare se le risposte che il Governo presenterà nel prossimo incontro, già fissato per sabato 18 novembre, possano essere giudicate sufficienti a esprimere un giudizio compiuto. In caso contrario, la Uil proseguirà nella sua iniziativa, insieme a Cgil e Cisl, sia a livello istituzionale, nel confronto con le forze parlamentari, sia a livello di iniziative di mobilitazione territoriali e nazionali, a sostegno delle rivendicazioni sindacali unitarie”.
“Insomma – dichiara Fioravante Bosco (Uil Av/Bn) – la trattativa ha fatto dei passi in avanti, ma è ancora troppo presto per esprimere un giudizio positivo. Molte sono ancora le cose da limare, specialmente per quanto riguarda le pensioni, i cui requisiti di accesso devono essere riformati sensibilmente dopo la terribile legge Fornero”.

Tags:

             

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio