martedì 27 Ottobre 2020 Operazione “Doppia Forza”uno degli indagati viene tradotto dal luogo di cura al carcere | infosannionews.it martedì 27 Ottobre 2020
Smooth Slider

Cives: Mezzogiorno tutto come prima? Idee e azioni ricostruttive per un nuovo inizio

Al via la sesta edizione della Summer School CIVES di ...

Ente Parco Regionale Taburno Camposauro e Unpli insieme per l’attivazione di progetti di Servizio Civile.

L’Ente Parco Regionale Taburno Camposauro nell’obiettivo di realizzare ulteriori iniziative ...

Teatri chiusi: il regista Ronga non si arrende

Teatri chiusi? la compagnia dell’arte non ci sta:«Sono luoghi sicuri, ...

Al via l'attività di riqualificazione degli spazi verdi a Telese Terme.

Il verde pubblico: una priorità dell’amministrazione Caporaso.Uno dei primi segnali ...

Mastella: dipendente positivo, domani comune chiuso per le operazioni di sanificazione

Mastella: dipendente positivo, domani comune chiuso per le operazioni di sanificazione

Cresce la curva epidemiologica nel Sannio. Il Covid torna a ...

Accademia Volley,la Fipav chiarisce, si gioca in Serie C

Ancora novità per l'Accademia Volley e le società sportive.A pochi ...

Operazione “Doppia Forza”uno degli indagati viene tradotto dal luogo di cura al carcere

16/05/2012
By

E’ stato raggiunto dal provvedimento di custodia cautelare in carcere mentre si trovava in clinica per cure mediche a seguito di perizia disposta dall’ Autorità Giudiziaria veniva ritenuto idoneo al regime carcerario e tradotto a Capodimonte.

Operazione "Doppia Forza" Benevento

 

Nell’ambito dell’operazione antidroga denominata “Doppia Forza”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento e condotta da Carabinieri e Polizia di Stato, che ieri ha portato all’esecuzione di dieci provvedimenti restrittivi, uno degli indagati F.G. 55 enne, è stato raggiunto dal provvedimento di custodia cautelare in carcere mentre si trovava ricoverato in una clinica della provincia di Benevento per cure mediche. Notificato il provvedimento restrittivo, i Carabinieri hanno proceduto fino a ieri sera al suo piantonamento presso il luogo di cura. Poi l’Autorità Giudiziaria con perizia accertava che l’indagato era idoneo al regime carcerario e pertanto ne disponeva la traduzione in carcere a cura dei Carabinieri.

Print This Post Print This Post