In evidenza

Conferenza Stampa di presentazione della VIII Edizione della Kermesse I Concerti Della Bottega

La Conferenza Stampa "I Concerti Della Bottega" è  in programma ...

Convegno di Benevento Libera. Le ragioni di una nuova regione: Il Molisannio.

Convegno di Benevento Libera. Le ragioni di una nuova regione: Il Molisannio.

L'Associazione “Benevento Libera” organizza per il giorno 20 luglio 2018, ...

“E’ più Bello insieme” il CSP risponde al dirigente Verdicchio

E' più Bello insieme il CSP risponde al dirigente Verdicchio

E' più Bello Insieme che da settimane è al centro ...

Politiche del lavoro, rivoluzione dei Centri per l’impiego e Piano di assunzioni per la PA della Regione Campania

Visita istituzionale dell’Assessore Palmeri e del Consigliere Mortaruolo a Telese ...

Domani a Palazzo Paolo V l’inaugurazione della mostra del Calcio di Coverciano

Domani a Palazzo Paolo V l'inaugurazione della mostra del Calcio di Coverciano

Come già accennato in un'altra parte del nostro giornale si ...

L’abito delle stimmate di Padre Pio ad Assisi per il “perdono”

Sosterà nella basilica di Santa Maria degli Angeli e nel ...

Benevento Calcio. Con la Fiorentina speriamo in un aiuto divino!

19/10/2017
By

Oggi Baroni, con la spalla forte di Vigorito, ha detto la sua e tracciato la strada. Ma non ha chiarito tante, troppe cose ….

 

Solito refrain, niente di nuovo sotto questo cielo. Baroni predica, predica, predica ma i risultati ? Gli unici che si vedono finora sono una moltitudine impressionante di infortunati. Magari, con tutti abili e arruolabili, e con un altro tecnico o con Baroni più pratico, meno pauroso, e con una sveglia al collo, considerato che continua a viaggiare nei sogni, qualcosa si sarebbe potuto fare. Escluse alcune pecche macroscopiche in acquisti-vendite, ma non facciamo nomi per rispetto di chi è stato liquidato troppo facilmente e di chi è stato chiamato con la stessa facilità a sostituirlo, non sarebbe stato proprio da buttar via questo Benevento. Ma non si vogliono tagliare i rami secchi. Non si vuole far scoccare la scintilla. La differenza tra il Benevento e le altre “piccole” squadre di serie A ? Gli attributi della società. Il Cagliari, ad esempio, da il benservito a Rastelli, il Benevento, invece, si tiene stretto Baroni. “Ho detto tutto” avrebbe proferito Peppino De Filippo ! E così proprio Baroni, tra un proclamo “credo che in questo momento siano fondamentali la voglia e determinazione perché la via di uscita c’è”  e cose ovvie “siamo consapevoli che le cose non stanno andando per il verso giusto. Abbiamo bisogno del nostro pubblico, così come la fiducia e i risultati”, si è consumata anche la conferenza stampa odierna e ci accingiamo ad incontrare la Fiorentina senza Ciciretti, D’Alessandro (ma poi questi due quanti minuti hanno giocato finora ? Che non siano fatti di marzapane ? ), un Lombardi affaticato, Parigini con trauma distorsivo, Costa che svolge ancora lavoro differenziato, Di Chiara a Roma per accertamenti, Gravillon che non ha ancora una tenuta di 90° minuti ( per forza anche quando può non lo fa giocare pur essendosi disimpegnato egregiamente l’unica volta che Baroni lo ha schierato), Antei squalificato, e con Belec mandato in tribuna a Verona con Piscitelli in panchina (i tifosi sanno i patemi di cuore con il ragazzo in porta in lega pro!). Insomma se anzicchè Benevento si chiamasse Croce Rossa sarebbe meglio. Ciò nonostante, neanche una parola per chiarire di chi è la colpa di questi infortuni a catena che, ripetiamo, erano una costante anche in serie B l’anno scorso.

A questo punto, con l’immobilità di una società ferma sul suo piedistallo, imperterrita ad andare avanti ad oltranza, dobbiamo sperare in un aiuto divino, che guarisca miracolosamente gli infortunati, come è già successo con D’Alessandro con l’Inter, e metta un po di sale in zucca al mister. Per il resto, speriamo bene !

             

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio