venerdì 26 Novembre 2021 Primo giorno di scuola: gli auguri della Uil | infosannionews.it venerdì 26 Novembre 2021
Smooth Slider
Un nuovo decesso per Covid al “San Pio”

Un nuovo decesso per Covid al San Pio

Ancora un decesso per Covid al "San Pio". A perdere ...

Il papà di Eataly a Unisannio per l'inaugurazione dell'anno accademico

Oscar Farinetti parteciperà alla cerimonia in programma il 28 gennaioOscar ...

Confindustria e Asl in Tandem per la Prevenzione Oncologica

Oltre 70 gli screening effettuati a limatola con il supporto ...

Noi Campani all’on.Umberto Del Basso De Caro: “Non accettiamo lezioni da chicchessia”

Noi Campani all'on.Umberto Del Basso De Caro: Non accettiamo lezioni da chicchessia

“Prendiamo atto delle affermazioni dell’onorevole Umberto Del Basso De Caro, ...

Stampa articolo Stampa articolo

Primo giorno di scuola: gli auguri della Uil

14/09/2017
By

Fioravante Bosco, segretario generale aggiunto della Uil Avellino/Benevento, per l’apertura dell’anno scolastico 2017-18, che da oggi interessa tutte le scuole di ogni ordine e grado della provincia di Benevento, desidera rivolgere un cordiale saluto e i più sinceri auguri di buon lavoro per l’inizio delle lezioni.

L’apertura del nuovo anno scolastico è un momento emozionante, importante e intenso, perché trasmette fiducia nel futuro di cui tutti i nostri ragazzi, che ogni giorno vivono come protagonisti la preziosa avventura dell’educazione e della formazione. È al tempo stesso occasione per riflettere sull’importante ruolo che la scuola è chiamata a svolgere nella società contemporanea. Difatti, quando si parla della scuola si parla del destino del nostro Paese, delle speranze e delle aspirazioni di migliaia di famiglie, di ragazzi e ragazze che contribuiranno, attraverso il loro personale cammino, all’Italia del domani. Non c’è futuro senza una scuola che sia all’altezza di questo compito, come avevano capito benissimo i nostri costituenti. La scuola disegnata nella nostra Costituzione è un luogo per tutti, un organo vitale della democrazia perché serve a risolverne il problema centrale della formazione dei cittadini, aperta e sempre rinnovata dall’afflusso verso l’alto degli elementi migliori della società, così com’è scritto nell’art. 34 della nostra Carta. La scuola, accanto e insieme alle famiglie, ha il compito di istruire e formare cittadini consapevoli e critici, liberi di pensare, capaci di affrontare le sfide della vita, di dare un senso alle conoscenze, trasformandole in competenze. Oggi più che mai, nel momento in cui l’Italia sta faticosamente uscendo da una crisi economica e sociale profonda, sono indispensabili il sapere, le energie e i talenti che la scuola sarà in grado di far emergere per invertire la tendenza, e far ripartire lo sviluppo del Paese. Il mio auspicio è che il nuovo anno scolastico sia anche l’occasione per riflettere sul ruolo della scuola in questa società moderna, dinamica e globale, che deve sapersi rinnovare costantemente, senza dimenticare la centralità delle persone. Un augurio particolare va ai piccoli che per la prima volta varcano le soglie della scuola, con la speranza che i loro occhi sul mondo e sul destino che li attende siano sempre fiduciosi, sorridenti e pieni di curiosità come in questa prima giornata di scuola.

Tags: ,