In evidenza
Del Basso De Caro : “Ennesima deformazione della realtĂ  compiuta da Salvini”

Del Basso De Caro : Ennesima deformazione della realtĂ  compiuta da Salvini

"Il vice premier Salvini, in questi giorni, in uno dei ...

Al via Una estate Gavota a S.Marco promossa dalla societĂ  SannioFortorEuropa

Quattro libri in serie e incontri culturali nel Fortore. Così ...

10° Edizione Torneo di Tennis “Città di Morcone”. Al via le iscrizioni.

Dopo il successo della IV edizione del Memorial “Aurora Marino, ...

“Pellicole nel Cassetto”. Quest’anno “Benevento CittĂ  Spettacolo” riapre al cinema.

Pellicole nel Cassetto. Quest’anno “Benevento Città Spettacolo” riapre al cinema.

Pellicole prodotte e mai viste saranno proiettate al “San Marco”, ...

Romanzo estivo: Mastella, i serpenti e i coniglietti.

Romanzo estivo: Mastella, i serpenti e i coniglietti.

Seconda parte, la superficie dell'ex conigliera/palestra utilizzata per accogliere migranti ...

Malattie cardiovascolari: big killer. Alla Gepos, cura e prevenzione col dott. Bernardo

12/04/2017
By

Cura, ma soprattutto prevenzione, delle patologie vascolari ed endovascolari alla Gepos di Telese Terme col Prof. Benedetto Bernardo, primario dell’Unità Diagnostica ed Operativa.

Le malattie cardiovascolari hanno un’incidenza elevatissima. Secondo gli ultimi dati dell’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) rappresentano la prima causa di morte nei Paesi a elevato tenore di vita, superando l’incidenza mortale dei tumori.
Il chirurgo vascolare ha spiegato come oggi sia possibile prevenire efficacemente uno degli eventi più temuti: l’ictus cerebrale.
Una diagnosi precoce permette, infatti, un trattamento chirurgico altrettanto tempestio. Alla Gepos è possibile sottoporsi a una nuova tecnica. Si opera non a cielo aperto ma in anestesia locale: con una piccolissima protesi di titanio (stent) si mantiene aperto il lume sanguigno in modo che il passaggio di sangue al cervello non venga più ostruito.
Altro grande killer silenzioso è l’aneurisma dell’aorta addominale. “Non provoca dolore – ha ricordato il chirurgo – se non quando si rompe. Operato in urgenza sottostà a una mortalità del 70%-80%. Rimosso prima della sua rottura, si scende al 3%.
La chirurgia vascolare, tuttavia, si occupa anche di patologie più lievi, come le varici: 7 donne su 10 soffrono di problemi agli arti inferiori. Se prima era possibile un unico trattamento chirurgico che prevedeva l’estirpazione della vena safena, oggi è possibile ricorrere a una tecnica percutanea, mediante laser, dalla degenza brevissima.
Il dott. Benedetto Bernardo, specializzato cum laude in Chirurgia Generale e in Chirurgia Vascolare è componente del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Flebologia (SIF).
Dal 2016 è docente del master in Flebologia presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli.
Il chirurgo risponderĂ , oggi, alle 18, alle domande della giornalista Imma Tedesco, all’interno della trasmissione Ottomattina, su Ottochannel, per la rubrica InForma, sul canale 696 del digitale terrestre.

Print This Post Print This Post

Tags:

             

Reliquie di San Donato a Pago Veiano

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia e dall’Estero

Previsioni del Tempo

archivio